La SGM è una società pubblica che molti considerano totalmente privata – lo afferma Carlo Salvemini – Invece è proprietà del Comune, cioè dei cittadini leccesi, al 51%.

E’ fondamentale ricordarlo, specialmente quando si parla di gestione della mobilità e Lecce. Essere costituiti sotto forma di società per azioni non cancella il profilo pubblico della SGM, con quel che ne consegue in termini di ruolo, indirizzo e controllo. A maggior ragione quando il modello del business cui ci si rifà garantisce al socio privato la remunerazione del capitale investito esclusivamente grazie ai ricavi della sosta a pagamento, cioè grazie ai soldi pagati dai cittadini per parcheggiare l’auto.
Negli ultimi mesi abbiamo avuto più volte conferma di questa confusione:
si affida alla SGM la gestione del bike sharing, e poi si constata l’assoluta inadeguatezza del servizio che nessuno pensa di migliorare;si discute dei costi di gestione del filobus ad essa affidati e non si riesce ad avere una nota di chiarimento sull’ammontare delle risorse annue necessarie per il funzionamento e la manutenzione di quest’opera elefantiaca;
in alcun modo si riesce a prendere visione e ad avere copia dei bilanci approvati, un fatto, quest’ultimo, vergognoso e preoccupante dal momento che si deve dare conto ai cittadini dell’operato di una società che appartiene loro per il 51%; si parla della possibilità che la stessa SGM rilevi la proprietà del parcheggio dell’ex ENEL per svariati milioni di euro, dopo aver assegnato ai privati la costruzione e gestione dello stess parcheggioo; in città si discute, infine, del pagamento dei ticket turistici (la gestione dei quali è affidata, tanto per cambiare, alla SGM) e non si conosce l’effettivo ammontare degli stessi e il loro reale impiego. E’ più che sufficiente per dire che una coltre di nebbia avvolge una società cui sono delegati servizi importanti per la città.
Ed è doveroso che si parli delle scelte di una società pubblica qual è la SGM e che lo si faccia pubblicamente, ossia nel Consiglio Comunale, alla luce del sole, chiarendo tutti gli aspetti delle vicende in questione. Senza aspettare, com’è uso di certo centrodestra, che la nave stia affondando e i topi siano fuggiti per scoprire quante falle si nascondono, in realtà,  al fondo di questa bagnarola che sembra essere la SGM di Lecce.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quindici − sette =