“Vorremmo San Cataldo, la spiaggia dei leccesi, con la bandiera blu e invece basta una precipitazione più forte per avere lo sversamento dei reflui in mare. E’ quello che è accaduto ieri. Penso che i leccesi meritino una migliore programmazione per lo smaltimento delle acque e per l’igiene e la salubrità della marina di San Cataldo”

E’ quanto dichiara la candidata alle Primarie del centrosinistra Loredana Capone secondo la quale“occorre dire basta allo scaricabarile tra il Comune di Lecce e il Comune di Vernole”.
”Si tratta di risolvere due importanti problemi: il primo riguarda l’adeguamento dell’affinamento dei reflui dei due depuratori  che è  importante ai fini del riutilizzo agricolo delle acque e potrebbe essere progettato dal Consorzio di Bonifica e da Acquedotto Pugliese-  continua Loredana Capone-  la Regione, anche nell’ultimo incontro, si è dichiarata disponibile a finanziare i progetti che dovessero essere presentati in questo senso”.
”Ma il problema fondamentale che produce lo sversamento è quello dello scarico derivante dalla fogna mista leccese:  acqua meteorica e fognatura nera -aggiunge la candidata alle Primarie del centrosinistra- lo sversamento in mare si verifica quando ci sono forti precipitazioni tali da superare tre volte la portata della fognatura di Lecce che ovviamente è insufficiente”.
“ Per trattare questo scarico più volte sono state proposte soluzioni e alternative mai progettate dal Comune di Lecce- dichiara Loredana Capone- in particolare un’ alternativa considerata fattibile è il trattamento delle acque di prima pioggia  attraverso la progettazione di una sezione di grigliature e sedimentazione.  È indispensabile che il Comune di Lecce si faccia carico di questa progettazione: sono passati anni senza che intervenisse mentre continuano gli sversamenti in mare.”
“Non si può da un lato volere che la marina di San Cataldo abbia decoro e sviluppo” conclude la candidata alle Primarie “e dall’altro lasciare la situazione della fognatura leccese così com’è,  con evidenti rischi di danno ambientale”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

1 × 4 =