Tempo di festeggiamenti per la consociazione Fratres salentina che si accinge a compiere 30 anni di attività nel Salento. Un lungo percorso di impegno e solidarietà che sarà celebrato con la tavola rotonda “Dialogare per donare. Gli scenari possibili della donazione del sangue nella società multietnica salentina”.

Il tema scelto è quello del coinvolgimento in maniera sistematica, tutelante e tutelata, della popolazione adulta immigrata nell’ambito della donazione gratuita, anonima, consapevole, responsabile e periodica del sangue e degli emocomponenti. Nella costante attività di monitoraggio annualmente condotta dal Consiglio provinciale Fratres che riunisce i dati statistici territoriali relativi alla donazione di sangue intero, piastrine e plasma si è rilevato che fra i donatori attivi nella provincia di Lecce per la Fratres si contano solo 6 donatori e 8 donatrici di etnie immigrate (a fronte di 11.048 donatori attivi nel 2010 solo per la Fratres) e che è sempre più difficile il ricambio generazionale di chi decide di donare il sangue. D’altro canto, la richiesta continua ad aumentare. Coinvolgere le persone immigrate, quindi, non è solo una prospettiva ambiziosa da un punto di vista socio-sanitario, ma apre alla possibilità di “crescere insieme” senza discriminazioni o pregiudizi in vista di un Bene, la salute umana e ambientale, che non può che essere Comune. Di tutto questo si parlerà nel corso della tavola rotonda prevista per sabato 10 dicembre a Otranto, città che ha dato i natali alla Fratres trent’anni fa, presso l’Istituto delle Suore Maestre Pie Filippine e promossa dalla Fratres, città di Otranto, FM Misericordiae, Agimi, Amis e del CSV Salento, grazie al contributo del Bando Idee 2011. Il raduno dei Gruppi Fratres è previsto per le ore 15.30 con una preghiera comunitaria nella Cripta della Cattedrale con l’intervento di monsignor Donato Negro, arcivescovo di Otranto. Dopo i saluti istituzionali, la tavola rotonda prenderà forma alle 17.30 con gli interventi di Luigi Russo, presidente del CSV Salento sul tema “Volontariato, la Cultura del Dono e l’Ascolto dei Bisogni del Territorio”, Rosy Imperiale, presidente Amis, in relazione a “La Mediazione Culturale nel Salento”, Fernando Valentino, direttore Simt A.O. “Cardinale Panico” di Tricase sul tema “SOS Africa: un’esperienza di volontariato sanitario” e don Giuseppe Colavero, direttore del Centro Agimi su “Integrazione e Legalità: un cammino difficile”. Agli interventi seguiranno le tante testimonianze di immigrati stranieri, moderate da Ernesto Carluccio, consulente sanitario regionale e presidente Fratres di Melpignano e Donatella Pinca, presidente provinciale Fratres di Lecce.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tre × 5 =