Muriel prima rete in giallorosso. Foto Andrea StellaIl Lecce blocca gli avversari solo per 25 minuti, o meglio Di Francesco sorride solo fino a quel momento. Da ricordare l’ alta classe di Pasquato al ‘6, colpo di tacco da antologia. Poi comincia a piovere e sale in cattedra, ma veramente, un incontenibile Lavezzi, che, con un’irresistibile azione

, scardina la difesa schierata a cinque da Di Francesco. E’ la svolta tattica della partita. Lavezzi si, aveva eluso l’intervento di due difensori, e battuto Benassi, ma l’epilogo per Di Francesco sembrava arrivato . Al 33′ la squadra campana firmava il raddoppio: preciso assist centrale di Pandev, in forma smagliante, per Cavani che a tu per tu con Benassi siglava il 2-0. Al 41′ la terza rete del Napoli: Dzemaili lasciava partire un tiro da fuori area che bucava il portiere dei giallorossi. Al minuto 8 della ripresa il Lecce accorciava le distanze: Muriel saltava Aronica e spediva la sfera alle spalle di De Sanctis. Al 37′ il Napoli firmava la quarta rete che chiudeva il match: assist dalla sinistra di Lavezzi per l’accorrente Cavani che non aveva difficolta’ a spedire la palla in rete. Espulso al 42′ Di Francesco per proteste. Nell’ultimo minuto di recupero la seconda rete dei leccesi con Corvia. Nona sconfitta per il Lecce con cambio allenatore in dirittura d’arrivo, in arrivo l’ex tecnico del Gallipoli, Giannini

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × quattro =