Il volume Piccoli Profughi – narrazioni di esclusioni e accoglienze racconta la storia vera dell’amicizia tra i due autori, Alessandro Santoro, regista teatrale, e Edison Duraj profugo albanese con un nome importante. Il libro presenta come in uno spettacolo teatrale il dialogo

tra i due protagonisti ed apre al lettore i diari di bordo che li hanno accompagnati dal loro primo incontro nella Scuola Media “A. Galateo” di Lecce nel 2005 fino al ritorno di Edison in Albania per il capodanno del 2008 con al seguito una troupe cinematografica. Tre anni in cui le vite di Alessandro ed Edison si intrecciano tra i sogni, le speranze e la dura realtà di un ritorno in un’Italia ferita da rigurgiti razzisti e separatisti e immersa nella melma di una informazione quasi totalmente colonizzata dal potere economico, finanziario e politico.

Piccoli Profughi – narrazioni di esclusioni e accoglienze – scrive nella presentazione del libro il rettore dell’Università del Salento, Domenico Laforgia – “può essere anche questo: una specie di prontuario delle potenzialità dell’ateneo salentino; o un indice dei beni immateriali di questa terra che hanno bisogno di manutenzione, rispetto e valorizzazione; oppure ancora un piccolo manuale per lo studio dei percorsi interculturali; o, alla !ne, una storia semplice che ha dato senso all’avventura di un piccolo profugo albanese, ma anche alle esistenze di tante persone: dagli uomini di legge agli insegnanti, dai compagni di scuola e di teatro alle persone che lo hanno seguito nel suo ritorno in Albania, che hanno fatto con lui un tratto di strada”.

Il volume Piccoli Profughi – narrazioni di esclusioni e accoglienze inaugura la collana Tradizione e Integrazione di Oistros Edizioni.

Oistros Edizioni prevede altre tre collane in preparazione per il 2012: Teatro, Conoscenza, Visioni.
Edison Duraj

2011

pag. 232

ISBN 978-88-906745-0-1

17 €

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.