Sabato sera si è chiuso il 6° Concorso fotografico provinciale “Salento in 4 scatti”, organizzato dall’Unione nazionale delle Pro Loco d’Italia della provincia di Lecce, finalizzato alla promozione e alla crescita del territorio attraverso l’arte e la creatività.

La cerimonia di premiazione si è svolta presso Palazzo Modoni a Palmariggi. Tutte le foto in concorso saranno esposte fino al 6 gennaio 2012.
I vincitori: per il Tema A (Luoghi, paesaggi, situazioni, volti), con la foto “Scorcio notturno”, Donatella Ria; per il Tema B (Feste d’estate), con la foto “Alba in jazz a Santumauru”, Antonio Cosma; per il Tema C (Un luogo da salvare), con la foto “Il pozzo – Masseria fortificata Tramacere”, Patrizia Buttazzo.

La chiusura di un’altra edizione del progetto, che continua a raccogliere sempre maggiore interesse, diventa occasione per un bilancio sulle attività di promozione delle Pro Loco salentine.
«L’aspetto più gratificante di otto anni di presidenza del Comitato provinciale – commenta il presidente Unpli Lecce, Adelmo Carlà – è quello di aver rimesso insieme il nostro movimento, rendendolo davvero parte attiva e integrante del territorio salentino. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: la presenza costante delle attività delle Pro Loco, la forte sintonia tra le varie associazioni, l’impegno collettivo di tutti i volontari che lavorano per dare lustro ai propri piccoli centri. L’Unpli vive soprattutto grazie a loro».
«A ciò si associa – continua Carlà – un rapporto con il mondo istituzionale basato sulla collaborazione e lo scambio di idee, come avviene ed è avvenuto in passato con la Provincia di Lecce. Sono tutte linee programmatiche che con le iniziative di Salento Food, insieme all’Assessorato al Turismo, per la promozione delle tradizioni, dell’enogastronomia tipica e della cultura dei luoghi, abbiamo cercato di diffondere nelle comunità. Per far capire che ognuno di noi deve attivarsi per la tutela della propria terra attraverso la più sensibile visione dell’ambiente, del paesaggio, della storia».
«Questo potrebbe essere il nostro obiettivo futuro, in un tempo di crisi – conclude il presidente – quello in cui nei momenti difficili la nostra vera forza si nutre di passione, volontariato e rispetto del bene comune. Auspico che anche in futuro si possa continuare su questa strada. E ciò vale come augurio per la fine di un anno eccezionale e l’inizio di un nuovo anno sotto i migliori auspici».