Continuano le sorprese della nuova programmazione musicale firmata “Corto Maltese”. Dopo i concerti in “solo” della domenica, arrivano i live jazz del giovedì sera, un appuntamento fisso pensato dalla direzione artistica per portare a Lecce, come nei migliori jazz club di New Orleans, una delle tradizioni popolari più moderne, il jazz e tutto ciò che ruota attorno ad esso.

Primo appuntamento night jazz live del mese sarà  giovedì 8 dicembre con il concerto di Giancarlo Del Vitto, raffinato ed eclettico chitarrista attivo sulla scena locale e nazionale che vanta collaborazioni con artisti tra cui Roberto Ottaviano, Daniele Scannapieco, Enrico Zanisi, Davide Santorsola, Fabrizio Bosso.

Per la serata “Corto Maltese” Giancarlo Del Vitto si esibirà in versione trio accompagnato da Michele Colaci al contrabbasso e Marco Girardo alla batteria. Non solo. Ad impreziosire lo spettacolo sarà la presenza di importanti ospiti d’eccezione che si alterneranno sul palco del locale: Francesco Negro al pianoforte, Vincenzo Presta al sax e Paola Cannoletta alla voce.

Un’occasione speciale per ascoltare un live inedito in cui la ricerca della continuità stilistica crea un percorso che parte dallo swing e arriva a toccare scritture più contemporanee, riproponendo classici americani alternati a composizioni originali, in un viaggio sonoro che attraversa le trame del bebop e non si arresta davanti alle avanguardie più sperimentali, trasmettendo con sincerità e passione l’idea del jazz come “musica viva”.

“Corto Maltese” non è solo jazz, ma anche ottimo cibo. Sarà un piacere scoprire le specialità enogastronomiche proposte dal menù del locale: accanto ai “mitici” panini, riproposti secondo le ricette originali ricopiate dai vecchi quaderni degli anni ’80, si potrà apprezzare la grande attenzione nella selezione degli ingredienti, la cura nella preparazione di piatti esclusivi, le migliori etichette vitivinicole.

Non resta che scegliere il companatico preferito per un concerto da assaporare con le orecchie e ascoltare col palato.

 

Il live avrà inizio alle ore 21:00 e terminerà alle 23:30.

PROSSIMI APPUNTAMENTI

 

Venerdì 9 dicembre sarà la volta del rock’nroll remeber live, appuntamento dalle atmosfere vintage dedicato a spettacoli musicali dal gusto retrò, che riporteranno lustro ai vecchi vinili dagli anni ’30 in poi, tutto rigorosamente dal vivo.

Ad aprire le danze, Cesko, voce e istrionico frontman degli Après la Classe, gruppo salentino che negli ultimi anni ha calcato i palchi di tutta Italia e di molte città Europee.

Per “Corto Maltese” Cesko presenterà lo spettacolo “Ricordi di una vita”, un’autobiografia musicale in cui racconterà al pubblico gli snodi più importanti della sua storia, attraverso le musiche che hanno segnato un ricco percorso artistico e soprattutto umano.

In repertorio canzoni celebri dagli anni ’60 ad oggi, interpretate con la passione, il sentimento e l’eleganza di chi ha vissuto gli anni zero, ma è irrimediabilmente affascinato dal carattere di un’epoca che ha fatto storia.

Brani di Mina, Louis Prima, Luigi Tenco e molti altri risuoneranno nella calda voce di Cesko, per un concerto che lo stesso artista definisce “romantico” fatto di “bit lenti” e “buone vibrazioni”, dedicate a un pubblico incline all’ascolto e alle atmosfere intime.

 

Domenica 11 dicembre ritornano gli spettacoli in “solo” di “Corto Maltese”. Ospite della serata sarà Dario Muci, cantautore, cantore e musicista salentino, che porterà sul palco uno spettacolo tratto dal suo ultimo disco “Sulu”.

Dopo l’esperienza di sperimentazione con l’etno jazz dell’album “Mandatari”, Muci sceglie per “Sulu” uno stile acustico che ritorna alla tradizione musicale del meridione d’Italia per raccontare il suo Sud, senza rinunciare a misurate tessere blues e jazz. Durante il live si potranno ascoltare brani originali, tradizionali e classici d’autore in cui emerge l’amore profondo per la terra che vive da sempre e che lo rende sensibile verso la faccia scura del Sud (in particolare del Salento), quella lontana dall’edonismo estivo, dei mali eterni e irrisolti, a cui se ne aggiungono di nuovi come le difficili condizioni dei migranti.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 4 =