Foto Antonio CastelluzzoLa Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per Sandro Frisullo (Pd), l’ex vicepresidente della giunta regionale pugliese, e per le altre quattro persone coinvolte in una delle inchieste sull’illecita gestione della sanita’ pubblica pugliese: gli imprenditori baresi Gianpaolo

e Claudio Tarantini, Vincenzo Valente, direttore amministrativo della Asl di Lecce, e Antonio Montinaro, primario di Neurochirurgia del Vito Fazzi di Lecce. Gli imputati sono accusati a vario titolo di associazione per delinquere, corruzione, abuso d’ufficio, turbativa d’asta e millantato credito. Nell’ambito di questa indagine Frisullo fu condotto in carcere il 18 marzo 2010 e l’8 aprile successivo, su disposizione del tribunale del Riesame, ottenne gli arresti domiciliari, protrattisi fino al 17 luglio 2010, data dalla quale e’ libero. Secondo le indagini dei pm inquirenti, Ciro Angelillis ed Eugenia Pontassuglia, basate soprattutto sulle intercettazioni e sulle dichiarazioni rese durante alcuni interrogatori da Gianpaolo Tarantini, Frisullo ha ricevuto dall’imprenditore barese escort e denaro in cambio di vantaggi per le societa’ della famiglia Tarantini nell’aggiudicazione di appalti presso la Asl di Lecce. I fatti contestati si riferiscono agli anni 2007-2009. La Procura attribuisce il ruolo di promotori e organizzatori dell’intera struttura proprio a Gianpaolo Tarantini e Sandro Frisullo. Tarantini – secondo l’accusa – ha versato a Frisullo: 12.000 euro al mese per undici mesi (da gennaio a novembre 2008), 50.000 euro in una circostanza, ha acquistato per il politico costosi capi d’abbigliamento, buoni benzina, gli ha fatto regali di vario genere e pagato le prestazioni sessuali delle prostitute Maria Teresa De Nicolo’, Vanessa Di Meglio, Sonia Carpentone, oltre a fornirgli un’autovettura e un autista e il servizio di pulizia settimanale di un appartamento che Frisullo utilizzava.