Foto Antonio Castelluzzo”Nel settore della sanita’ anche quest’anno consolidiamo l’abbattimento della mobilita’ passiva. Abbiamo decine di migliaia di pugliesi in meno che vanno a ricoverarsi negli ospedali del nord Italia, vogliamo consolidare questo risultato”.

Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola parlando a margine della conferenza stampa di fine anno, tenuta a Bari insieme a quasi tutti i suoi assessori. ‘

‘Il 2012 e’ l’anno in cui dobbiamo operare un rilancio alla grande della politica della salute in Puglia – ha aggiunto – attraverso lo sviluppo della realta’ distrettuale, dei segmenti socio-assistenziali di offerta della salute”. Durante la conferenza stampa ha sottolineato che ”la lotta contro la mobilita’ passiva e’ un punto cruciale della nostra battaglia ed e’ un punto di verifica della qualita’ delle nostre politiche”.

Per Vendola e’ inconcepibile ”spendere 250/300 milioni di euro all’anno per pagare i sistemi sanitari delle regioni del nord perche’ i cittadini non trovano un’offerta adeguata nella loro regione”. Cosi’ facendo ”noi abbiamo finanziato i sistemi sanitari del nord”. Il dato della mobilita’ passiva era in crescita dal 1995. Dal 2008 al 2010 invece la mobilita’ passiva passa da 920mila ricoveri fuori regione a 820mila ricoveri. E’ un abbattimento del 6% della mobilita’ passiva.

”E’ un indicatore – ha detto Vendola – sul quale fare un investimento politico, legato al tema del risparmio che non si fa con i tagli bensi’ con gli investimenti. I risparmi con i tagli non ci sono”. Dai dati si evince anche una diminuzione dei ricoveri in generale ma e’ meno marcata rispetto al calo dei ricoveri fuori regione.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciotto − 8 =