Sono stati sequestrati circa 83 grammi di oro del valore di 1800 euro più alcuni monili di bigiotteria ad un albanese residente a Poggiardo. L’oro infatti, è risultato sospetto e si presume possa essere stato rubato nella zona tra Ortelle, Poggiardo e Vignacastrisi.

Ieri mattina gli agenti del servizio volanti della Questura di Lecce, sono intervenuti in seguito ad una segnalazione da parte di una rivendita di oggetti in oro. Secondo le indicazioni una persona si era presentata presso l’esercizio per vendere alcuni monili, ma essendo stata riconosciuta perché segnalata nei mesi scorsi più volte sia dallo stesso esercizio che dagli altri del settore, avrebbe destato sospetti.
Gli agenti hanno così rintracciato il 31enne albanese già con precedenti per reati contro il patrimonio e che da poco aveva finito di scontare gli arresti domiciliari e un periodo di obbligo di dimora. Una volta raggiunto, lo hanno trovato in possesso dell’oro sospetto. Alla richiesta di spiegazioni, l’uomo è stato poco chiaro e ha affermato di aver avuto in consegna i monili da un amico non ben precisato, perciò è stato accompagnato in Questura, dove si è provveduto al sequestro dell’oro.
Tra i monili inoltre, è stata individuata una fedina che reca al suo interno il nome “M. Giuseppa”, per cui la Questura di Lecce, ha lanciato un appello a chiunque fosse stato derubato nella zone già segnalate: in quel caso può chiamare l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico e procedere all’eventuale identificazione degli oggetti rubati.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.