La capolista segna il passo in terra di Calabria dopo una gara il cui esito comunque non è apparso scontato. Da una analisi generale della giornata la pausa dei gialloblù non compromette la posizione di classifica e non dovrebbe lasciare ulteriori strascichi negativi. I gialloblù salentini viaggiano alla volta del pala Giovino con gli uomini contati e soprattutto non al 100%.

Consapevoli della forza del gruppo Capitan Manca & C. hanno provato a lottare contro i giallorossi calabresi e contro gli eventi avversi che hanno caratterizzato la settimana di preparazione alla comunque difficile trasferta. Con Chirico dolorante al ginocchio, Serroni febbricitante (con febbre da paracetamolo), con Provenzano e Rotolo fermi ai box per infortunio, Coach Lezzi deve fare di necessità virtù e si affida ai giovani Errico classe 1994 , Leucci classe 1995 e Spada classe 1992 oltre a inserire lo stesso Rotolo, al seguito della squadra sulla lista N da compilare. Nonostante tutto, il Monteroni occupa il parquet senza timori provando a superare ogni ostacolo. La gara comincia con una fase di studio nella quale i viaggianti non sembrano risentire delle assenze e delle carenti condizioni fisiche di Serroni e Chirico. Paiano (8) ed Errico V. (4) hanno il loro da fare per fronteggiare Fall (21) e Saccardo (2) sotto i tabelloni, Chirico(9) e Manca (14) devono fare gli straordinari nella fase difensiva per arginare Pellicanò (25). Serroni (13) stringe i denti e prova a contribuire alla causa della squadra ma è evidente che non è lo stesso giocatore ammirato nelle gare sin qua disputate. Durini (3) prova a ripetere le prestazioni che ne hanno caratterizzato l’ottimo rendimento delle ultime uscite ma la lucidità e la brillantezza non sembra la stessa causa anche un infortunio occorso nelle fasi di gara. C’è spazio quindi per Francesco Errico (classe 1994) che quando chiamato in causa  sembra rispondere adeguatamente alle disposizioni impartite dal tecnico e contribuisce alla causa fatte salve alcune ingenuità causate dalla grande responsabilità avvertita e dovuta all’inesperienza. Minuti importanti per Riccardo Spada (9) autore di un’ottima gara coronata anche da tre realizzazioni dalla linea dei sogni. I ragazzi di coach Lezzi, rimangono in partita  fino alla fine con uno scoore che li ha visti sempre a contatto e comunque con distacchi di punteggio apparsi sempre colmabili. Parità al 21’ (36 a 36) con i viaggianti che appaiano in grado di invertire l’inerzia della gara per la verità sempre in mano ai padroni di casa. Poi Cattani e Soci, sfruttano la migliore condizione fisica e la disponibilità della dea bendata e riescono a dare la svolta alla partita. Determinante per le sorti di un match scivolato sino ad allora senza particolari colpi di scena, è stato il break piazzato dai giallorossi di coach Tunno nella seconda parte della terza minifrazione che consentiva ai calabresi di raggiungere un vantaggio in doppia cifra rimasto fino al 30’ (56 a 46). Scuderi (12) e Battaglia (9) trascinati dall’onda dell’entusiasmo e complice anche la ridotta rotazione standard a disposizione dei salentini, approfittano della situazione e si iscrivono a referto con punti pesanti. Il finale vede Monteroni provare a rientrare a contatto, raggiunge il -7 con una tripla di Spada, ma Scuderi prima, Cattani (6) poi, piazzano un canestro da sotto e due bombe da distanza siderale che chiudono di fatto la gara. Finisce 76 a 58 per Catanzaro in una gara, comunque, che non fa testo e non deve trarre in inganno perché la capolista è più che mai viva e saprà sicuramente rifarsi appena potrà disporre pienamente dei suoi uomini. A parte il dispiacere, per il passaggio a vuoto, rimane grande fiducia nel gruppo e ci si rincuora per non aver perso la testa della graduatoria che continua a essere colorata di gialloblù. Monteroni, forte delle posizioni acquisite e sperando di svuotare l’infermeria, si appresterà già da martedì a preparare il confronto al vertice nel match clou della prossima giornata contro la M.T. Benevento di Novatti & C. ospiti al pala Quarta Lauretti domenica 22 gennaio 2012. Salto a due ore 18.

Planet Basket Catanzaro – Quarta Caffè Md Discount N.P. Monteroni: 76 – 58 (23-16; 11-16; 22-14; 20-12)
Quarta Caffè MD Discount N.P. Monteroni: Rotolo n.e., Paiano 6, Manca 14, Errico F., Chirico 9, Serroni 13, Durini 3, Leucci ne, Spada 9, Errico V. 4. Coach: Antonio Lezzi
Catanzaro: Saccardo 2, Fall 21, Pellicanò 25, Cattani 6, Pate 1, Battaglia 9, Zofrea, Pulinas, Carpanzano, Scuderi 12. Coach: Fabrizio Tunno

Monteroni: da tre 8/19, da due 13/35, liberi 8/15.
Catanzaro: da tre 5/14, da due 23/35, liberi 15/23.
Falli: Monteroni 22, Catanzaro 17.
Usciti per cinque falli: Manca (NPM), Paiano(NPM).
Arbitri: Furnari e Sarda di Piazza Armerina (EN).

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

15 − 5 =