Continuano i controlli a tappeto della Guardia di Finanza per la lotta al fenomeno del carovita e della vendita di prodotti non a norma.

Nel corso dell’ultima attività i militari di Casarano hanno intercettato un’autovettura carica di pesce il cui conducente, in forma ambulante, cedeva ad occasionali clienti la propria merce, senza il possesso dei prescritti titoli autorizzativi, senza il rilascio di alcun documento fiscale a fronte dell’incasso del corrispettivo e, cosa ben più grave, senza il rispetto dei minimi requisiti igienico-sanitari constatato da personale medico dell’ASL, fatto intervenire sul posto.

Al 57enne venditore “abusivo”, originario del posto, oltre alla contestazione di violazioni di carattere penale riguardanti il cattivo stato di conservazione della merce, sono state contestate, altresì, specifiche violazioni amministrative che prevedono l’irrogazione di una sanzione pecuniaria da Euro 2.582,00 ad Euro 15.493,00.

 

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × 4 =