Foto Antonio Castelluzzo“Con le squadre alla nostra portata, come Parma, Fiorentina, Chievo, squadre del nostro livello, abbiamo fatto punti. Le difficoltà sono oggettive, ma non sono pessimista, il nostro campionato è ripartito.

La premessa di poter fare qualcosa di diverso c’e’ se riprendi una partita, come quella di ieri con il Chievo, sotto di due gol in casa con due errori difensivi e alla fine pareggi meritatamente”. Lo ha detto il tecnico del Lecce, Serse Cosmi, a Radio Anch’Io Sport, sul pareggio di ieri 2-2 con il Chievo. “E’ stata una partita correttissima, molto emozionante per lo sviluppo. Non c’e’ stato un fallo cattivo, ma nel finale due giocatori si sono beccati e li’ e’ venuto fuori tutto il nervosismo, che e’ stato eccessivo, ma succede. Poi pero’ quando si ritorna negli spogliatoi si capisce di aver esasperato i toni”, aggiunge Cosmi che sugli arbitri aggiunge: “la qualita’ degli arbitri e’ migliorata, c’e’ un gruppo omogeneo”. Per quanto riguarda la corsa scudetto, sara’ una lotta tra Milan e Juve, secondo il tecnico del Lecce. “Il Milan per valori e’ la squadra piu’ forte, la differenza e’ che la Juve puo’ preparare settimanalmente la partita, mentre i rossoneri avranno la Champions, ma se la giocheranno alla pari fino alla fine. L’Udinese? Rimarra’ piu’ a lungo in alto. E’ svantaggiata ma non mollera’ prima. L’Inter sta ritornando, vincendo sette gare consecutive, ma mi augurio si fermi qui, visto che e’ il nostro prossimo avversario, ma vista la gara di ieri e’ piu’ attardata non solo per i punti”.