Foto Antonio CastelluzzoIl Lecce di Serse Cosmi parte per Firenze con la speranza di dare un sussulto alla sua classifica, piu” che mai asfittica. Dall’elenco dei venti convocati, oltre a Carrozzieri, non presente per i noti problemi fisici che lo stanno attanagliando da tempo, manca, un po’ a sorpresa, il nome del difensore

franco-algerino Djamel Mesbah. ”Non e’ stato convocato – dice il tecnico del Lecce, perche’ agli inizi della settimana perche’ firmera’ un contratto per il Milan, e quindi tra poche ore fara’ parte di quella rosa; parlando con lui, mi e’ sembrato oggettivamente e comprensibilmente rivolto a quella situazione. In piu’, la moglie tra poche ore dovrebbe partorire: quindi non si trova in condizioni di poter disputare l’incontro con la massima attenzione”. Inevitabile che quindi il discorso scivoli sul calcio-mercato. ”In settimana ci saranno degli incontri decisivi – dice Cosmi, e avremo delle novita’, che il direttore mi ha garantito. Pero’ in questo momento non penso tanto al mercato, ma ragiono sulla partita con la Fiorentina”. Una gara da va o la spacca, da testa o croce per il Lecce, che potrebbe dire tanto sul futuro della formazione giallorossa. Ma il tecnico Cosmi non intende caricarla di ‘pathos’ eccessivo. ”Non e’ questo il modo – dice – nel quale affronteremo i viola. Dobbiamo avere la consapevolezza di limitare l’impeto della squadra avversaria, con un atteggiamento difensivo simile a quello che abbiamo avuto domenica contro la Juve, con la naturale speranza che, in occasione di qualche errore nostro, loro non ne approfittino”. ”Loro – conclude – vorranno dare continuita’ al risultato ottenuto contro Novara: e’ chiaro che dentro le loro teste contro l’ultima in classifica hanno l’opportunita’ di far bene. Hanno un giocatore straripante, un potenziale campione come Jovetic, un ragazzo che ha gamba, intelligenza, forza mentale”.



CONDIVIDI