E’ un altro grande successo quello segnato dalle Officine Cantelmo che ieri hanno ospitato la prima mostra del Giocattolo e del Videogame, la fiera dedicata ai giochi e ai videogiochi di ieri e di oggi e che ha portato con sé un gran numero di curiosi e di appassionati.

Diversi stand di vecchi giocattoli, uno dedicato ai giochi educativi, un altro solo di videogame di tutte le consolle sul mercato. Questo e molto altro alle Officine che ha proposto il terzo appuntamento dedicato ai settori di nicchia, dopo la mostra del fumetto e quella del vinile.

Durante la giornata si sono susseguiti tornei di Risiko, di Subbuteo, per gli amanti dei giochi di una volta, ma anche di Play Station 3, carte Magic e Yu-Gi-Oh e una sezione dedicata ai più piccoli con una serie di attività ludiche proposte dell’associazione “Adesso ci penso io” che hanno prodotto diverse simpatiche creazioni esposte poi al pubblico. 

Per i più tecnologici un’area è stata dedicata ai videogame di ultima generazione e accanto alle nuovissime consolle, per i nostalgici non potevano mancare il mitico Super Mario con la prima Nintendo in commercio e Toki, il videogioco da bar della famosa scimmietta che deve salvare la fidanzata dal cattivo di turno.

A garantire il successo anche le performance del famosissimo batterista Antonio Vadrucci, in arte Vadrum e delle ballerine della scuola di danza Compagnia Atto che hanno ballato sulle coreografie di Anna Maria de Filippi.

Vadrum ha dato prova delle sue abili doti di batterista suonando diversi pezzi e spaziando dal William Tell alla sigla dei Simpson, dalla musica di Super Mario a quella di MacGyver e così via per tre quarti d’ora di vero e proprio spettacolo.

E di gran classe anche l’esibizione delle ballerine della Compagnia Atto che hanno ballato alcune coreografie di danza contemporanea davanti ad un pubblico numeroso e attento.

La mostra si è conclusa in serata con l’aperitivo e un dj set, mentre consolle, biliardino e bancarelle erano ancora affollate di giovani e non più tanto giovani, diverse generazioni che per un giorno si sono ritrovate a giocare assieme e a condividere passioni che poi tutto sommato non sono poi tanto diverse.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 + uno =