Martedì 24 gennaio esce Il diavolo sta nei dettagli, il primo album in studio del duo composto dal cantante/chitarrista dei Fonokit Marco Ancona e dal cantautore Amerigo Verardi, pubblicato da Lobello Records e distribuito da Goodfellas, che arriva a due anni di distanza da “Bootleg – Oliando la macchina live tour 2009”.

Il titolo dell’album, a metà strada tra il profondo e l’ironico, ben rispecchia le infinite sfaccettature della poetica generale espressa nei testi e nelle musiche di ogni singolo brano. Musicalmente spiazzante perché riesce a comunicare – con dei suoni per metà acustici e per metà sintetici – un clima di estremo calore e al contempo di estrema freddezza. Le due voci (quasi sempre all’unisono) e i testi danno già da soli il senso della personalità dell’intero lavoro.

Il disco, registrato presso “La Stanza Bianca” di Lecce con la post produzione e il mastering curati da Stefano Manca presso il Sudest Studio di Guagnano (Le), ospita Gianluca De Rubertis de Il Genio (rhodes, bassynth), Paolo Provenzano (batteria elettronica), Nicoletta Nardi (cori) e Vincenzo Assante (voce narrante in “Contatto”).

Dopo una prima collaborazione risalente al 2003/04 che vede Marco Ancona e Amerigo Verardi in tour insieme nel progetto denominato Lotus con l’album “Nessuno è Innocente” (Mescal/Sony), nel 2008 i due si riuniscono in studio per una nuova avventura. Subito dopo il loro primo concerto realizzano il singolo intitolato “Mano nella mano” che viene incluso nell’album/compilation degli Afterhours “Il paese è reale” (2009) e di seguito iniziano un lungo tour italiano, grazie al quale il progetto Verardi-Ancona riscuote notevoli consensi. Nella stessa estate prendono parte come opening-act ad alcune tappe del tour degli Afterhours “Voglio far qualcosa che serva 2009”. Durante il tour, Manuel Agnelli e la sua band apprezzano particolarmente “Mano nella mano” tanto da decidere di inserirla nei loro live-set facendone una propria versione che eseguono assieme al duo. Il 26 ottobre ripartono per una nuova serie di concerti per promuovere il loro primo album autoprodotto “Bootleg – Oliando la macchina live tour 2009”. L’album costituisce una sorta di souvenir del lungo tour d’esordio: si tratta di un estratto unico tratto da una loro esibizione di agosto che vede la partecipazione di Gianluca De Rubertis de Il Genio ai sintetizzatori. Il 30 gennaio 2010 Amerigo Verardi e Marco Ancona concludono il loro tour iniziato l’anno precedente e cominciano il lavoro di produzione per quello che sarà il loro primo album di studio. Nel mese di Marzo con XL di Repubblica viene distribuito il dvd “Il paese è reale – Live & backstage” che documenta la loro prima esibizione con gli Afterhours tenutasi l’8 Aprile 2009 negli studi televisivi di Radio Italia ed in estate ripartono per una serie di concerti che li porterà nuovamente in giro sino all’inverno. Nel frattempo l’album “Bootleg – Oliando la macchina live tour 2009” si aggiudica il P.I.M.I. 2010 come miglior autoproduzione dell’anno e nel gennaio del 2011 il loro brano “Un’onda non frena” entra nella classifica “Indie Top 50 – 2010” indetta da Meiweb posizionandosi al quarto posto.

Il diavolo sta nei dettagli è promosso con il sostegno di Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × tre =