Partner di Job Innovation CampPer lo sviluppo del tessuto produttivo territoriale e per garantire occupazione ai giovani salentini, soprattutto i possessori di sapere professionale e innovativo, arriva il nuovo progetto promosso dalle istituzioni locali e dall’Università. I convegni itineranti faranno tappa, oltre che a Lecce, a Tricase Maglie e Copertino

Con la presentazione di questa mattina alle Officine Cantelmo, si è dato avvio ufficialmente all’evento Job Innovation Camp, un percorso condiviso dalle istituzioni locali e dalle piccole e medie imprese presenti sul territorio, per favorire l’ingresso e l’avviamento nel mondo del lavoro altamente professionalizzante, evitando la fuga delle giovani eccellenze salentine verso realtà in grado di accoglierle.

” Una scommessa – ha commentato l’assessore provinciale al lavoro Toma – di poter rendere un servizio altrimenti reso da società che, dal nord Italia, venivano, incrociavano domanda e offerta, analizzavano il tutto e svolgevano il lavoro in poco tempo ma con cospicue ricompense”. E’ partita dalla Provincia, quindi, l’iniziativa di creare l’evento in loco attraverso le risorse e le competenze della partecipata Alba Service e con i partners del progetto, dall’Università del Salento alla cooperativa Lecce Città universitaria, al gruppo Oltrelinea e la Cbox s.r.l. Un percorso condiviso  che ha anche potenziato il Centro per l’Impiego, il quale si preoccuperà di girare per le aziende e constatare di quali figure si ha bisogno; gli altri partenariati contribuiranno a realizzare una rete per dare maggiore vitalità a quei settori trainanti dell’economia locale. Dal turismo rurale, alla filiera agricola, all’agroalimentare ed enogastronomia, al metalmeccanico e aerospaziale fino ai più innovativi information and comunication technology, tutti settori che possono fronteggiare la crisi in atto. Ogni area tematica sarà trattata negli incontri previsti nel Salento, il 10 gennaio a Tricase, il 12 a Copertino, il 14 a Maglie e il 17 e 18 gennaio a Lecce.

I convegni itineranti coinvolgeranno nel progetto le realtà locali presenti dal nord al sud del Salento, dal Gal all’Area Vasta e tutta una serie di enti e istituzioni che possono aprirsi all’impiego delle eccellenze salentine. Nell’individuare queste eccellenze, molto farà l’Università del Salento che, nella delega al professor Carlo Margiotta, ha sottolineato la ferma intenzione di garantire l’inserimento nel mondo del lavoro almeno a chi si distingue nei vari campi del sapere, dalle scienze alle tecniche ma anche nel campo umanistico.

Ai convegni saranno presenti anche dei workshops e gli imprenditori che vorranno garantirsi del personale altamente preparato, ha spiegato l’amministratore unico di Alba Service, Damiano D’Autilia. Per il presidente della Provincia Gabellone, il prestigio di giovani talenti salentini impiegati nelle migliori aziende del mondo non deve offuscare la possibilità di impiegare altrettanti talenti nel territorio di appartenenza, evitando la fuga di cervelli che possono contribuire a rendere migliore il Salento. Alla conferenza ha preso parte anche Confindustria con il presidente della sezione Comunicazione, Fabrizio Benvenuto.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

diciannove + quattordici =