Nella dinastia merovingia, di cui oggi si parla tanto, Fredegonda occupa un posto di primaria importanza, anche se la sua fama sembra legata più ai suoi sinistri intrighi. Ancora oggi a Parigi è ricordato l’episodio o la leggenda, secondo la quale in una sola notte i suoi rossi capelli

sarebbero diventati bianchi durante un rito di negromanzia col quale intendeva riportare in vita il defunto marito Chilperico. Tale fatto, tuttavia, nei secoli sembra essersi fuso con uno analogo accaduto alla regina Maria Antonietta, i cui capelli sarebbero divenuti bianchi durante la notte precedente la sua decapitazione nel 1793.
Fredegonda era nata schiava ma la sua bellezza aveva attirato l’interesse di Chilperico, Re di Soisson, che l’aveva inclusa nel suo harem personale. Dopo aver ripudiato la prima moglie Audovera, madre di tre suoi figli: Teodeberto, Meroveo e Clodoveo, chiudendola in convento, Chilperico aveva preso in moglie Galaswinta, figlia del Re dei Visigoti di Spagna Atanagildo e sorella di Brunechilde, moglie di Sigiberto I, Re di Austrasia, fratello di Chilperico. A questo punto l’ambiziosa Fredegonda riuscì ad uccidere Galaswinta ed a farsi sposare da Chilperico. Il gesto provocò l’ira di Brunechilde che istigò il marito ad una guerra contro il fratello, per vendicare la morte della sua adorata sorella. Sigiberto aveva praticamente vinto la guerra, assediando Chilperico, quando inaspettatamente cadeva pugnalato da due sicari di Fredegonda. A questo punto Chilperico univa i domini del fratello ai suoi e si incaricava di crescere Childeberto II, figlio di Sigiberto e Brunechilde. Quest’ultima accettava l’offerta di matrimonio di Meroveo, figlio di Chilperico, che mal gradiva il matrimonio del padre con Fredegonda, tuttavia questa riusciva a farli arrestare ed ad imprigionarli.
Per assicurare la corona ai suoi figli, Fredegonda non esitò a far uccidere i tre figli che Chilperico aveva avuto da Audovera, tuttavia un’epidemia le portò via ben quattro figli maschi. Fu risparmiata soltanto l’unica figlia Rigonda. Tuttavia, inaspettatamente rimase nuovamente incinta, dando alla luce un altro figlio, Clotario II, che in seguito riuscì a riunificare i Franchi in un unico regno. La lotta contro Brunechilde sarebbe però durata ancora molti anni, sino alla morte della stessa Fredegonda.
Tutti i Franchi la conoscevano come la regina-strega, bellissima ma al tempo stesso crudele, incapace di provare compassione per nessuno e sempre pronta a compiere atti di grande malvagità. Il suo sepolcro è ora conservato nella chiesa di Saint-Denis vicino Parigi, ma la sua effigie è priva di un volto, quasi ci si volesse dimenticare per sempre della sua bellezza e della sua crudeltà.

Cosimo Enrico Marseglia 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × 1 =