Si è tenuta questa mattina presso la chiesa Santa Lucia a Lecce, la festa dei Vigili Urbani in occasione della ricorrenza del patrono della Polizia Municipale, San Sebastiano. Una festa che ha visto una grande partecipazione e il corpo del Vigili Urbani al completo a cominciare dalla Messa che si è tenuta in onore del santo.

Al termine della cerimonia il comandante dei vigili Donato Zacheo, ha tenuto un discorso di saluto all’amministrazione e ai presenti, nel quale ha manifestato la sua completa gratitudine per la collaborazione continua tra le istituzioni e il corpo di Polizia Municipale.

“La celebrazione in onore di S. Sebastiano è anche un’occasione per illustrare l’attività ed il ruolo della Polizia Municipale e riflettere sulle problematiche presenti nella prospettiva di miglioramento della qualità della vita e della sicurezza nel contesto urbano.” Ha poi continuato Zacheo, esponendo la propria soddisfazione sulla realizzazione dei due punti fondamentali su cui il corpo di Polizia Municipale si è impegnato negli ultimi anni, ovvero la sicurezza stradale e la sicurezza urbana.

“Riguardo alla sicurezza stradale, l’aspetto più gratificante dell’attività svolta nel corso dell’anno appena trascorso è stato il continuo e costante incontro con i ragazzi delle scuole medie volto alla discussione sulle regole che disciplinano il Codice della Strada.”. Zacheo, ha spiegato quanto il lavoro con le generazioni più giovani sia basilare per creare più senso civico ed educare alla sicurezza nelle strade.

In questo ambito, i Vigili Urbani hanno lavorato molto nelle scuole medie leccesi collaborando coi docenti, e proponendo ai ragazzi un progetto di educazione stradale, fatto di incontri formativi, visite guidate nelle strade cittadine alla scoperta di cartelli e segnali stradali, quiz a premi sulle norme del codice della strada e l’evento sicuramente più importante, della giornata dedicata alla sicurezza stradale.

La manifestazione, che si è svolta lo scorso 5 novembre, ha visto la partecipazione di tutti gli studenti delle scuole medie cittadine e la realizzazione di un giornalino sulla sicurezza stradale scritto dai ragazzi e curato dall’addetto stampa del Comune di Lecce, Antonio Greco, dove è stato fatto un resoconto attraverso vignette, articoli e fumetti, di ciò che è stato imparato.

Il giornalino è stato distribuito questa mattina a conclusione del progetto che sicuramente il prossimo anno vedrà una seconda realizzazione.

“Riguardo all’altro obiettivo strategico, è indubbio che la Polizia Municipale è sempre più orientata a divenire una “forza di polizia” avente come precipua finalità la sicurezza urbana, intesa come miglioramento delle condizioni di vivibilità nei centri urbani.” Il comandante Zacheo ha elencato l’utilizzo di telecamere, il progetto per il potenziamento di controllo sul territorio, il sistema di rilevamento elettronico delle infrazioni nel centro storico e l’aumento delle pattuglie, come gli esempi più pratici di questo impegno profuso dal corpo di Polizia Municipale.

Oltre ai dovuti ringraziamenti, Donato Zacheo ha concluso il suo discorso con una critica nei confronti del famoso decreto Salva Italia che non riconoscerà più per il personale della Polizia Municipale l’equo indennizzo e la causa di servizio, lamentando quindi che il corpo dei Vigili Urbani pur trovandosi in situazioni di aggressioni o infortuni debba avere un trattamento diverso dalle altre forze dell’ordine.

Anche il Sindaco non ha risparmiato ringraziamenti verso il Corpo dei Vigili Urbani che “spesso scaricano le tensioni derivanti dalla convivenza di noi tutti in un’unica comunità. Siete infatti tra gli anelli della catena amministrativa più a diretto contatto con il cittadino, biglietto da visita e insieme custodi del vivere civile della collettività. Dunque oggetto di critiche e di reazioni a volte inconsulte che giungono anche dai rappresentanti del mondo politico. Ed io vi chiedo scusa, perché il vostro lavoro è stato spesso oggetto di inutili e sterili polemiche.”

Il Primo Cittadino ha ringraziato per il lavoro svolto non solo sulle strade nonostante la mancanza di organico ma anche per l’impregno profuso nelle scuole: “Sarà anche merito vostro se i ragazzi di oggi, domani, saranno automobilisti coscienziosi e disciplinati, ma più in generale cittadini educati e capaci di stare al mondo in maniera compiuta ed equilibrata.”

Al termine dei riti di saluto, sono stati inoltre conferiti i gradi di Maresciallo e Brigadiere a sette elementi del corpo di Polizia Municipale e consegnati elogi ad altri 22 elementi che si sono distinti per il coraggio, la prontezza di riflessi, il senso civico e l’intelligenza in diverse occasioni negli ultimi 12 mesi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto + sette =