E’ da Firenze, come un po’ tutti sostengono, che deve necessariamente prendere il via la auspicata rimonta dei giallorossi. Per una sorta di coincidenza astrale proprio contro quel Delio Rossi artefice della ormai storica rimonta coronata dalla salvezza di quel Lecce.

Oggi, dunque, come allora ?
Non precisamente: se non altro, ma non si tratta di un particolare irrilevante, perchè il Delio di allora ebbe immediatamente a disposizione tre importanti ritocchi rivelatisi al dunque decisivi (Franceschini,Bolano,Sicignano), mentre il buon Serse deve vedersela ancora con il “materiale” di cui dispone che, cosa non trascurabile, è quello che ha messo insieme i nove, insufficenti, punti di classifica.
Piaccia o no, la situazione è questa!
La pietanza servita ai tifosi è il risultato delle angustie operative entro cui la dirigenza ha dovuto e potuto operare: prestiti,scambi perchè, come si dice, “bambole non c’è una lira”. E a Firenze, ennesimo crocevia decisivo, dovremo vedercela, tra l’altro, con Delio Rossi, quello della rimonta ma . . . . con le pedine nuove . . . .!



CONDIVIDI