Foto Antonio CastelluzzoTentata estorsione e rapina aggravata: sono le accuse che hanno fatto scattare le manette ai polsi di Egidio Luigi Prete, 31enne di Nardò, autodefinitosi il
“Totò Riina di Nardò”.  Secondo le indagini della polizia di Nardò, l’uomo nella notte del 16 dicembre scorso a Nardò in Largo Cimitero, ha aggredito un venditore

di crepes, minacciandolo di consegnarli l’incasso. Il venditore si è però ribellato, e a quel punto il malvivente prima sferrava un pugno rompendo la tastiera del registratore di cassa e poi si approssimava a danneggiare il furgone. A quel punto il venditore, scappava con l’incasso e, dopo essersi allontanato per alcuni minuti tornava indietro, trovando ancora lì presente il malvivente che brandendo un recipiente di lt. 5 contenente liquido infiammabile ne spargeva il contenuto sui teli di plastica della struttura e sul furgone, versando anche del liquido sul braccio della vittima che veniva altresì minacciata di morte .
Nel timore che l’aggressore potesse appiccare il fuoco, gli consegnava 100,00 euro che l’aggressore gli strappava dalle mani e prima di allontanarsi gettava una damigiana di vetro sul furgone della vittima che veniva danneggiato. Per questo motivo è stata emessa l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del “Totò Riina di Nardò”, come si autodefiniva il 31enne

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dieci + tre =