Tempi duri per gli spacciatori leccesi. L’ultimo arresto è avvenuto nel primo pomeriggio di ieri. In manette è finito Elio De Vergori, 38enne, in cura al SERT. I carabinieri lo tenevano d’occhio da alcuni giorni, sospettando che potesse dedicarsi ad attività di spaccio in favore di altre persone

in cura presso la struttura. Così lo hanno sorpreso con le mani nel sacco, mentre cedeva una dose di eroina ad una ragazza, non lontano da occhi indiscreti. I sospetti dei militari erano fondati, avendo la ragazza un passato da tossicodipendente. Le successive attività d’indagine non hanno fatto altro che confermare che quel rapido passaggio di mani, visto dai militari, altro non era che una cessione di stupefacente. Venivano infatti rinvenute tre dosi di eroina nella tasca dello spacciatore ed una dose, identica per modalità di confezionamento, sulla ragazza, nuovamente segnalata alla Prefettura come assuntrice.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.