Furto in abitazione: è l’accusa che ha fatto scattare le manette ai polsi di Giovanni Marzo, 32enne di Alessano. È accaduto nel primo pomeriggio di ieri, quando i carabinieri di Tricase hanno ricevuto una telefonata di una cittadina di Alessano, che chiedeva l’intervento dei militari

poiché era vittima di un furto in abitazione. La richiesta d’intervento è stata subito inoltrata alla pattuglia della Stazione di Alessano che, dopo alcuni istanti, era già presso l’abitazione della signora. La donna ha riferito che all’interno dell’appartamento si trovava il figlio, non convivente con i genitori, il quale dopo essersi prepotentemente fatto aprire la porta aveva iniziato a farle, come spesso accadeva negli ultimi tempi, pressanti richieste di denaro. Al netto rifiuto della madre l’uomo si era messo a rovistare ovunque alla ricerca di soldi. I Carabinieri sono quindi entrati nell’abitazione e, al termine di un rapido giro, hanno visto Giovanni Marzo che, dopo aver aperto il portafogli del padre, trovato in un comodino, si appropriava del denaro in esso contenuto per un importo di 325,00€. Essendo flagrante il reato di furto in abitazione, l’uomo è stato bloccato ed accompagnato in caserma dove è stato dichiarato in arresto. L’uomo è stato accompagnato presso la Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici − otto =