Foto Jessica Niglio“Sulla realizzazione della linea di alta capacita’ Napoli-Bari-Lecce, non c’e’ motivo di dividersi: e’ opera strategica anche per questo Governo come lo e’ stata per il nostro.

Solo nell’ultimo anno abbiamo aggiunto ai fondi gia’ disponibili oltre un terzo dei finanziamenti: su un fabbisogno iniziale di oltre 7 mld di euro, con i finanzimenti della delibera CIPE 62/2011, a valere sul Piano Sud – infrastrutture, il fabbisogno e’ sceso a 3,5 mld; in base all’accordo sottoscritto a novembre tra Governo Berlusconi, Regioni e commissario europeo Hahn, il Piano di Azione Coesione sottoscritto il 15 dicembre scorso, ha assegnato ulteriori 700 mln. Restano quindi da reperire poco meno di 3 mld, cui si potra’ provvedere tramite l’accordo di novembre che concentra le risorse su 4 assi principali, tra cui le Ferrovie e la futura programmazione europea”. Lo ha detto l’on. Raffaele Fitto, per il quale “Sulla scorta dell’enorme e proficuo lavoro realizzato negli ultimi anni e grazie al quale sta finalmente vedendo concretamente la luce una infrastruttura stragetica per tutto il Sud di cui si parlava da 20 anni, l’invito e’ a concentrarsi sul lavoro futuro, quando sara’ certamente cura di Governo e Regioni, nell’ambito dei prossimi accordi da sottoscrivere, e quindi nelle ulteriori risorse da stanziare, valutare e ponderare non solo la ricaduta geografica dell’opera ma anche la valenza strategica che avra’ nelle singole Regioni che la utilizzeranno”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.