Foto Antonio CastelluzzoAvrebbe palpeggiato e molestato in aula almeno quattro alunne, assumendo invece, nei confronti degli studenti di sesso maschile, un atteggiamento un po’ troppo autoritario.

Con l’accusa di atti sessuali su minore, il professor Enrico Masciullo 57enne leccese, ha patteggiato oggi, davanti al gup Alcide Maritati, una condanna a due anni di carcere. Sono stati proprio i genitori di 2 delle presunte vittime a dare il via alle indagini, condotte dagli uomini della squadra mobile, e coordinate dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero. Secondo quanto raccontato dalle quattro presunte vittime, il docente di una scuola media della provincia di Lecce, avrebbe chiamato le ragazzine alla cattedra spingendole ad accettare le sue attenzioni morbose sotto la minaccia che, altrimenti, le avrebbe punite con voti negativi.

Masciullo, difeso dall´avvocato Amilcare Tana, fu arrestato nell’aprile scorso, poi scarcerato dal tribunale del riesame. L’imputato si è sempre dichiarato innocente.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × 1 =