Abusi sessuali nei bagni e tra i banchi di scuola. A compierli due bidelli di un istituto superiore di Maglie che oggi si sono presentati davanti al gup Carlo Cazzella.

Uno, 64enne di Diso, ha patteggiato una condanna a 2 anni di carcere, l’altro, 62enne di Castiglione, invece ha scelto di essere giudicato con rito ordinario. Il processo inizierà il 7 maggio prossimo davanti alla seconda sezione penale del tribunale di Lecce.

Secondo l’accusa, rappresentata dal sostituto procuratore Stefania Mininni, avrebbero approfittato della giovanissima età di alcune studentesse, tutte tra i 16 e i 17 anni, per allungare le mani su di loro. Non solo. Baci, abbracci, sguardi ammiccanti.

Le giovani presunte vittime, stanche delle attenzioni morbose che sarebbero state costrette a subire, hanno scritto una lettera aperta alla Preside della scuola. E’ stata poi quest’ultima a rivolgersi alla procura, dando il via alle indagini. I fatti risalgono gennaio di 2 anni fa. Sono stati i carabinieri a condurre le indagini e a raccogliere la testimonianza degli studenti e delle loro famiglie. I 2 collaboratori scolastici intanto sono stati allontanati dall’istituto.

Il collegio difensivo è costituito dagli avvocati Flavio Santoro, e Angelo Accogli.

Alcune ragazzine si sono costituite parte civile conl’avvocato Luigi Fersini.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 + undici =