In riferimento a quanto riportato dalla stampa in data odierna relativamente all’avviso pubblico per la nomina del Direttore generale dell’Università del Salento, il Rettore Domenico Laforgia precisa quanto segue:
«L’avviso pubblico, la cui struttura è identica a quella scelta da altre Università tra cui – per esempio – il Politecnico di Bari, è stato pubblicizzato nei modi e nelle forme più opportune e con grande rilievo: ha trovato spazio tra le news e nell’apposita sezione “Bandi e

concorsi” del sito d’Ateneo, come di consuetudine facciamo con tutti i bandi pubblici emessi. Sul quotidiano nazionale Il Sole 24 Ore del 31 gennaio scorso, inoltre, è stato pubblicato un avviso riportante la notizia del bando, la scadenza e i dettagli per la lettura del bando completo. D’altra parte, così come gli attuali sette candidati hanno avuto notizia del bando chiunque avrebbe potuto farlo, se interessato, anche in considerazione della “pubblicità” che la procedura ha avuto sui giornali locali grazie proprio alle polemiche avanzate da alcuni sindacalisti dell’Ateneo.
Aggiungo, per coloro i quali sembrano avere memoria corta, che la stessa procedura fu utilizzata nel 2009 sempre per la scelta del nuovo Direttore amministrativo, che produsse lo stesso numero di concorrenti.
Nulla di nuovo, dunque, sul fronte sindacale della nostra Università. Stessi sistemi, stesso terrorismo amministrativo, stesse minacce velate e gratuite».

CONDIVIDI