Foto Francesco Moscagiuli“Lecce mi appaga tantissimo e ieri con la squadra abbiamo superato a livello mentale la prova piu’ terribile”. Serse Cosmi, presente a Coverciano per la consegna del riconoscimento della Panchina d’Oro, non nasconde la sua felicita’ per il magico momento che stanno vivendo i suoi ragazzi.

“La svolta e’ stata la partita di Firenze, aver vinto quella sfida ci ha fatto comprendere che avevamo le potenzialita’ per lottare – ha aggiunto Cosmi -. Aver battuto l’Inter, il Siena e pareggiato con l’Atalanta ci ha consentito poi di giocare con sempre maggiore serenita’. A Cagliari si e’ vista da parte dei ragazzi quella risposta che volevo e che temevo non arrivasse. Ancora non siamo salvi e rimango dell’opinione che espressi quando arrivai a Lecce: se questa squadra si salvera’ lo fara’ all’ultimo minuto dell’ultima giornata. Per adesso gustiamoci questo bel momento, per noi disputare quattro partite senza perdere equivale a una striscia titanica. Quando sono arrivato sapevo delle difficolta’ che avrei incontrato, ma Lecce e il Salento rappresentano uno di quei posti in cui sentivo di poter esprimere al meglio le mie qualita’ e quando un allenatore sente questo, di sicuro dara’ il meglio di se’ e cosi’ e’ capitato. Abbiamo messo il nostro entusiasmo, la nostra esperienza, la capacita’ di sopportare situazioni difficili, di spingere la squadra a crederci. Oggi il Lecce e’ un gruppo unico e questo spinge tutto dalla stessa parte, questa e’ la vera svolta” le parole di Cosmi che si dice convinto del suo possibile rilancio dopo questa esperienza.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

9 − quattro =