Dal 29 febbraio 2012 entra in vigore la legge n. 3 del 2012 che disciplina la procedura di uscita dalla crisi per sovraindebitamento per i soggetti non ammessi alle procedure fallimentari. Lo comunica in una nota l’ Aduc Lecce e Castromediano.

Detta diversamente: la legge n. 3 del 2012 è una sorta di procedura fallimentare per i consumatori (ed i piccoli artigiani). Con il termine “sovraindebitamento” s’intende fare riferimento ad una situazione perdurante di squilibrio tra le obbligazioni assunte ed il proprio patrimonio prontamente liquidabile, nonché la definitiva incapacità di adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni. Si tratta, è evidente, di una definizione piuttosto ampia che potrebbe includere la gran parte dei casi in cui il consumatore è in difficoltà nel pagare; si pensi, ad esempio, alle rate di un finanziamento, del mutuo. Altra novità introdotta dalla legge n. 3 è rappresentata dagli organismi di composizione della crisi; il ministero della giustizia avrà tre mesi di tempo, a partire da domani, per emanare i regolamenti attuativi che li riguardano. In questo contesto l’Aduc offre ai consumatori, presso le proprie sedi di Lecce e Castromediano e sul proprio sito internet grazie ad un’apposita scheda pratica (http://sosonline.aduc.it/scheda/sovraindebitamento+nuovo+procedimento_20038.php) tutte le informazioni utili per accedere a questa disciplina di gestione della crisi che promette di rendere meno traumatici gli effetti di carenze più o meno croniche di liquidità.
Alessandro Gallucci, delegato Aduc-Lecce
tel. 339.7855670 fax 0832.245557 (servizio consulenza su appuntamento o mercoledi’ ore 17-19), via di Porcigliano n. 46. E-mail a.gallucci@aduc.it
Valentina Papanice, delegato Aduc-Cavallino
cell. 3333410510 (servizio di consulenza su appuntamento o lunedì ore 17.30 – 19.30) via Buonarroti n. 36  email v.papanice@aduc.it

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

2 × cinque =