foto Antonio CastelluzzoAndando oltre le previsioni statistiche che attestavano le preferenze per i due leader Fitto-Mantovano sul 70 a 30, la mozione Gabellone-Bruni di area fittiana ha prevalso su quella di Congedo-Tundo per il 73,6 per cento

 

Antonio Gabellone, già presidente della provincia di Lecce, è il nuovo coordinatore del Pdl succedendo a Cosimo Gallo. Lo ha stabilito la consultazione elettorale che si è svolta ieri per i 15921 tesserati del partito, alla quale hanno partecipato poco più del 60 per cento, esattamente 9mila e 775. Una vittoria schiacciante se non fosse stato per il dato, considerevole, che attesta a Lecce città un 42 a 58 Congedo- Gabellone, segno che nel capoluogo le preferenze dell’area fittiana si indeboliscono a fronte della provincia, e in particolare in zona magliese roccaforte di Fitto, dove le preferenze per Gabellone hanno superato il 90 per cento. Il dato leccese preoccupa non poco il sindaco Perrone in vista delle primarie del prossimo 26 febbraio. Quella “fetta” considerevole di simpatizzanti mantovaniani, infatti, potrebbero essere indirizzati verso altri candidati della coalizione. Lo stesso Mantovano, durante il congresso provinciale, rivolto proprio al sindaco uscente, aveva invitato al voto per Congedo nel segno del buon auspicio per le amministrative.

“Siamo pronti a condurre un partito già forte e coeso” ha dichiarato a margine della proclamazione il presidente Gabellone, la sua mozione “Il Pdl verso il futuro: per la crescita e lo sviluppo del Salento”, prospetta rinnovamento su selezione meritocratica, una nuova progettualità partecipata dal basso,  maggiore organizzazione e miglior comunicazione. Un ruolo centrale, il nuovo coordinatore lo riserva ai giovani, ai quali dal palco del congresso aveva consigliato: “siate protagonisti, non lasciatevi guidare”.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 11 =