I centri per l’impiego funzionano poco? È perché sono mal organizzati o perché si vogliono favorire altri interessi? Il dubbio, sottile ma pesante, è insinuato dalla Cgil, che chiedere al presidente della Provincia di Lecce, Antonio Gabellone, e all’assessore al ramo, Ernesto Toma, di incontrare tutti gli operatori

dei Centri “per capire, dalla diretta voce degli interessati, quali sono le condizioni di lavoro e per giudicare direttamente se quelle dei lavoratori sono solo parole o esclusivamente fatti”. A parlare è Paolo Taurino, responsabile della Cgil Funzione Pubblica, che aggiunge: “I lavoratori avevano già invitato l’assessore Toma presso tutti i Centri per l’Impiego. Il 26 settembre, in una riunione organizzata dai sindacati confederali, i dipendenti avevano con forza espresso le difficoltà che ogni giorno si trovano ad affrontare nello svolgimento del loro lavoro”. Le cause sono sempre le stesse, vale a dire la carenza di organico e le risorse pressoché nulle, una burocrazia insostenibile. Ma per la Cgil c’è di più. “Durante l’incontro del 26 settembre- continua Taurino- si sono verbalizzati gli impegni degli amministratori di Palazzo dei Celestini nei confronti degli operatori di tutti i Centri. Impegni disattesi, forse per favorire l’ introduzione di figure esterne di orientatori ed accounting che, temiamo, non servirà ad agevolare il lavoro degli operatori. Le figure previste dall’ assessore sono deputate ad altro, sono esterne all’amministrazione e quindi non ne conoscono le regole. Per questa ragione i lavoratori temono che la proposta dell’Amministrazione sia solo un altro buco nell’acqua”. La CGIL FP, promotrice dell’assemblea, si è fatta carico, anche dopo la riunione, di sollecitare l’assessore Toma all’attuazione di quanto emerso dall’ assemblea. Egli sembrava d’accordo con quanto scritto nel verbale dal sindacato ed ha promesso che avrebbe portato in giunta la proposta e si sarebbe prodigato per esaudire tutte le richieste. “La promessa non è stata ancora mantenuta”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 − 10 =