Foto Antonio CastelluzzoDa Parma il Governatore della Banca d’Italia indica il dato complessivo del crollo del credito alle imprese, riferito al solo mese di dicembre 2011: ben 20 miliardi di euro! Dunque, mi permetto di aggiungere, la chiusura non e’ una invenzione degli imprenditori”.

Lo sottolinea Alfredo Mantovano (Pdl). ”Visco insiste che, in una crisi che coinvolge tutti, pure il sistema bancario, e’ indispensabile selezionare il credito; dunque, mi permetto di chiosare, nessun automatismo, ma capacita’ di valutare caso per caso. Infine -prosegue Mantovano- annuncia un ulteriore finanziamento della Bce al sistema creditizio italiano per il 29 febbraio (dopo quelli di luglio e di dicembre, per complessivi 200 miliardi di euro). Anche in vista di questa scadenza, e’ indilazionabile che il Governo italiano affianchi alle misure per la crescita che ha varato e si appresta a varare, l’elemento fondante per la vita di ogni impresa: condizioni di accesso al credito meno rigide”. ”Da mesi, con colleghi parlamentari, chiediamo all’esecutivo l’attivazione di un tavolo permanente di confronto fra esso e le banche operanti in Italia, oltre ad Abi e a Banca d’Italia, per esprimere un chiaro indirizzo verso gli obiettivi ripresi oggi dal Governatore, e verificarne la realizzazione. Nei prossimi giorni -annuncia- prendera’ corpo l’intergruppo parlamentare sull’accesso al credito, promosso congiuntamente con l’on. Francesco Boccia. E’ certo che la nuova erogazione della BCE non puo’ e non deve riproporre (per lo meno: non per intero) la medesima dinamica di utilizzo delle due precedenti erogazioni”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.

[fbcomments]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here