Continuano le serate tra jazz, letteratura e buon cibo organizzate dalla Libreria Liberrima presso il caffè e ristorante All’Ombra del Barocco di Lecce. Sabato 11 febbraio (ore 21,00 – ingresso 35 euro) appuntamento con la cena-concerto che vedrà sul palco il chitarrista Mauro Campobasso e la cantante Elisabetta Guido, un raffinato

incontro in musica tra il noto jazzista tarantino e la direttrice del coro “A.M. Family”, docente di canto jazz presso il Conservatorio “T. Schipa” di Lecce. Ospite della serata anche la scrittrice di origini catanesi Catena Fiorello (sorella di Rosario e Beppe) che presenterà il suo nuovo romanzo Casca il mondo, casca la terra pubblicato da Rizzoli Editore.

Mauro Campobasso è chitarrista, compositore ed arrangiatore; nasce a Taranto nel 1967, approda allo strumento intorno ai 17 anni come autodidatta e apprende le prime nozioni di tecnica e di chitarra jazz dal M° Carmelo Zumbo con cui studierà dal 1986 al 1988. Nel suo percorso di studi compaiono numerosi seminari e corsi da alto perfezionamento (con jazzisti come Pat Metheny, Paolo Fresu, Enrico Rava, Gianluigi Trovesi e musicisti del Berklee College di Boston tra cui Bill Pierce, John Damian, Jim Kelly, Ron Savage, Ray Santisi, Bruce Gertz, Larry Monroe, Larry Bethune e molti altri). Oltre a svolgere attività concertistica e didattica, cura progetti di composizione e produzione di musiche per documentari, teatro e danza. Dopo aver suonato con diverse formazioni nel ’95 fonda il quartettocon cui per la prima volta si mette alla prova come compositore. Questo gruppo gli permetterà più che altro di affinare, come in una sorta di laboratorio e di capire molti dei concetti compositivi ed arrangiativi che metterà a frutto nei suoi primi lavori discografici. Ha fondato il quartetto “Relazioni Pericolose” (con Achille Succi e Ivan Valentini nel 1995) e il quintetto di jazz elettrico “Mauro Campobasso Image” (1998) con cui ha registrato un cd uscito nei negozi in maggio 2000 per la DDQ, label della Irec (Soul Note / Black Saint) di Giovanni e Flavio Bonandrini. Nel 2000 ha partecipato alla registrazione del cd ” Missa” di Alfredo Impullitti (con la partecipazione di Paolo Fresu, Tino Tracanna, Pierre Favre e Gianluigi Trovesi e l’Orchestra e Coro della Scuola Comunale di Musica di Faenza Sarti). Da ottobre 2000 è collaboratore del periodico per chitarristi Axe diretto da Fabrizio Dadò con all’attivo oltre un centinaio di articoli specialistici pubblicati che vanno dall’analisi musicale, recensioni discografiche, una rubrica sui rapporti intercorrenti tra chitarra e composizione fino ad articoli specifici sulle attrezzature musicali. (www.maurocampobasso.com)

Elisabetta Guido è inserita nel Dizionario Europeo “Donne in Musica” – quaderno n° 6 “Donne in Jazz” (Colombo Editore – Roma). È diplomata in pianoforte, ha conseguito il compimento inferiore di canto lirico ed è laureata in Giurisprudenza. È insegnante di canto jazz presso il conservatorio “T. Schipa” di Lecce ed è stata già docente dei Corsi integrativi progettuali di Canto Gospel presso lo stesso istituto. È vocalist, direttrice di Coro e compositrice ed arrangiatrice. Nel 2010 pubblica il libro “Il Canto Moderno Occidentale di Origine Afroamericana” Manni editore; collabora stabilmente da qualche anno come vocalist e direttrice di Coro con i programmi di Rai 1 e Rai 2 (Sanremo – Oscar Tv, Porta a Porta, Telethon, La vita in diretta, Premio Barocco etc.) ed ha partecipato anche a trasmissioni di Rai International, Rai 3 Umbria e Rai 3 Puglia ed alla trasmissione “Donne” per Sky/Discovery Channel Real Time. Ha lavorato ed inciso con i Golden Gospel Singers, Ares Tavolazzi, Paolo Di Sabatino, Fabrizio Bosso, Stefano “Cocco” Cantini, Marco Siniscalco, Gaetano Fasano, Lello Pareti, Francesco Petreni, Mauro De Federicis, Maria Laura Bigliazzi, Glauco Di Sabatino, Marco Della Gatta, Renato Zero, Al Bano, Renzo Arbore, Tullio De Piscopo, Paolo Belli, Cheryl Porter, Jayonna Sims & Virtuous Standard of Chicago, Rose Harper,Gianfranco Lombardi, Alexia, Cecilia Gasdia, Melvin Jones, Arthur Miles, Riccardo Cocciante, Antonio Palazzo, Fausto Leali e molti altri. (www.elisabettaguido.it)

Catena Fiorello è la sorella di volti televisivi notissimi come Rosario e Beppe Fiorello, nel suo “Casca il mondo, casca la terra” (Rizzoli 2012) racconta la vita, fatta più di apparenza che di sostanza, di una tipica famiglia borghese italiana. Vittoria, la protagonista del romanzo, è una donna che ha fatto di tutto per abbandonare il piccolo paese desolato in cui è cresciuta e per crearsi una nuova vita degna di dirsi tale, una donna che non ha alcuna intenzione di rinunciare al suo meraviglioso marito, ai suoi figli, alla vita agiata che adesso conduce. Così scoprire che il marito l’ha tradita con una certa Laura la getta nello sconforto ma Vittoria decide di avvicinarla con l’inganno per scoprire la verità, di diventarle amica creandosi una falsa identità. Ma l’incontro con Laura non sarà come Vittoria se lo era immaginato, Laura aiuterà Vittoria ad aprire gli occhi sul mondo, a scoprire di se stessa dei tratti del tutto nuovi, a scoprire che ci sono dolori molto più profondi di un semplice tradimento.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

tredici − 7 =