Giovedì 2 febbraio (ore 21.00 – ingresso 18 euro) All’Ombra del Barocco di Lecce ospita il Liberrima Open Art Party, un evento organizzato dalla libreria Liberrima. In programma il concerto del Next Generation Jazz Puglia, un nuovo progetto musicale che riunisce alcune fra le migliori giovani personalità della scena jazz pugiese legate da un’idea musicale innovativa. Il quintetto propone, infatti, una miscellanea sonora sfaccettata alimentata da un background musicale comune. Sul palco Raffaele Casarano (sax), Gaetano Partipilo (sax), Mirko

Signorile (pianoforte), Marco Bardoscia (contrabbasso), Fabio Accardi (batteria). Nel corso della serata il quintetto eseguirà in anteprima alcuni dei brani contenuti nel prossimo lavoro discografico prodotto da Puglia Sounds e Auditorium Parco della Musica di Roma.

Raffaele Casarano si avvicina allo studio del sax all’età di sette anni con una forte passione per la musica, in particolare il jazz, intraprende gli studi presso il Conservatorio “N. Piccinni” di Bari. Si diploma nel 2004 presso il Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, studia successivamente jazz con Roberto Ottaviano, frequenta inoltre master classe con artisti come Dave Liebman, Emiliano Rodriguez, Maurizio Giammarco. “Argento”, nuovo lavoro discografico del sassofonista targato Tǔk Music, etichetta di Paolo Fresu, conclude la trilogia del progetto Locomotive dopo “Legend”, disco d’esordio (Dodicilune, 2006) totalmente acustico e con la partecipazione dell’Orchestra Sinfonica del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, e “Replay” (Universal, 2009). Due suoi brani sono stati inseriti in Jazz al Dente, la prima compilaton da ascoltare e da gustare pubblicata da My Favourite Records al fianco di Paolo Fresu, Gianmaria Testa, Fabrizio Bosso, Musica Nuda, The Dining Rooms, Fausto Mesolella (Avion Travel). Casarano ha collaborato ed inciso con Philip Catherine, Buena Vista Social Club, Paolo Fresu, Javier Girotto, Massimo Manzi, Andrea Braido, Giovanni Imparato, Lincoln Goines, Mark Soskin, Benjamin Henocq, Mimi Verderame, Yuri Goulbev, Tino Tracanna, Maurizio Giammarco, Roberto Ottaviano, Eddy Palermo, Meridiana multi_jazz orchestra, Andrea Pozza, Gianluca Petrella, Patrizia Conte, Ensemble Notte Della Taranta, Franco Califano, Negramaro, Moni Ovadia, Anonima folk, Riccardo Pittau, Opa Cupa, Manigold, Vertere String 4tet, Marian Serban, Après La Classe, Bachire Gareche, Dario Muci. Nel 2011 si è esibito tra glia altri con Negramaro, Gino Paoli, Dudu Manenga e ha tenuto concerti in Africa (Harare, Zimbabwe) ospite dell’October International Jazz Festival e al Moscow International Performing Arts Centre, uno dei teatri più importanti di Mosca, in occasione dell’Anno Bilaterale Italia-Russia. Raffaele Casarano è inoltre direttore artistico del Locomotive Jazz Festival che nel 2012 giungerà alla sua settima edizione.

CONDIVIDI