Scoperto l’ennesimo caso di abusivismo edilizio. Sono stati i carabinieri di Melendugno a identificare in San Foca, località Marangi, opere abusive in violazione del codice dei beni culturali e del paesaggio.

Per questa ragione hanno denunciato, in stato di libertà, una donna A.M. sessanta anni ed i suoi tre figli: A.L. trentunenne, L.L. di ventinove anni e L.L. di ventisette, tutti del luogo.

Secondo quanto è emerso, le quattro persone, in area sottoposta a vincolo paesaggistico, hanno realizzato opere edilizie tra cui una piscina, servizi igienici ed una stalla con deposito attrezzi, in assenza di autorizzazione. Nello stesso contesto è stata scoperta anche un’area di centotrentacinque metri quadrati, adibita a discarica di rifiuti speciali e materiali di risulta provenienti da attività di demolizione, violando le disposizioni del testo unico in materia di rifiuti ed inquinamento.
L’intera area, con i manufatti abusivi e la discarica, è stata sequestrata.

CONDIVIDI