Lettera ai giovani del vescovo Vito Angiuli per il tempo di Quaresima-Pasqua 2012:

Le cronache quotidiane restituiscono sui media l’immagine di un mondo giovanile “disperato”, “disperso” e “frammentato” dalle miriadi di situazioni problematiche esistenziali, educative, lavorative (disoccupazione oltre il 50% nel Salento), familiari.

Addirittura c’è chi si spinge a deriderli ritenendoli “mammoni” che fanno fatica ad allontanarsi dalla cuccia rassicurante della propria famiglia. C’è anche tutta una letteratura musicale e artistica che esalta in qualche modo l’adeguarsi al “non senso nichilistico”, alla “resa” rispetto a un mortale nuovo che irrompe e che sembra volere indicare le soluzioni ai guai e alla frammentazione e all’insicurezza nella chimica delle droghe. E c’è invece un mondo giovanile che vorrebbe prendere il volo, ritrovare la bellezza della vita, ritrovare la speranza, per vivere il presente in vista di un futuro da protagonista.
Il vescovo Vito Angiuli sceglie di entrare in dialogo con il mondo giovanile, e attraverso una lettera inviata a tutti loro in occasione della prossima Quaresima, intende aprire una via di dialogo sincero, per niente giudicante, perché a tutti possa giungere la voce del pastore, quasi un papà attento e premuroso, che ha cura di tutti i giovani “vicini e lontani”, e che non si pone nella dimensione del distributore di verità, ma in quella del condividere un tratto di storia, di tempo, di cammino, cercando in questo spazio di annunciare la speranza cristiana, che è anche speranza umana.
La struttura della Lettera ai giovani è presa in prestito da Dante Alighieri che nella Divina Commedia dice che la vita può assumere diverse forme: un “moderno inferno”, o somigliare a “un difficile purgatorio” o anche “manifestarsi come un nuovo paradiso”.
La vita è un inferno quando a indicarne il senso è ciò che viene dall’esterno, dal mercato, dal di fuori, quando la droga o altre forme di stordimento prevalgono sulla capacità di fare i conti con la propria interiorità: così nulla ha senso, e non vale neppure la pena di vivere, ma forse neanche di morire. La vita è un difficile purgatorio, quando almeno si ha la consapevolezza che il non stare bene con se stessi e con gli altri ha origine sostanziale  nella negazione della propria interiorità e della speranza, e allora – come dice Benedetto XVI – “bisogna attraversare in prima persona il’fuoco’ per diventare definitivamente capaci di Dio e poter prendere posto alla tavola dell’eterno banchetto nuziale”. 
La vita è paradiso, invece, quando si diventa capaci – come direbbe don Tonino bello – “di assaporare l’avventura della libertà, vivere è stendere l’ala, l’unica ala con la fiducia di chi sa di avere un partner grande come Te” (Dio). “Anche voi, cari giovani  – scrive mons. Vito Angiuli – nonostante tanti segnali contrari, potete sperimentare la vita come una realtà meravigliosa e farne il vostro capolavoro di bellezza, di verità, di gioia”.
La Chiesa, insomma, non si rassegna alla deriva del mondo giovanile del nostro tempo nella schiavitù della droga o delle dipendenze, ma non sopporta neppure i giudizi e le derisioni degli adulti perbenisti: sceglie di mettersi cuore a cuore accanto ai giovani per aiutarli a trovare un senso, a trovare la speranza, la sicurezza e poi anche a diventare padroni della loro autentica vita. Perché non c’è futuro se non ci sono giovani pieni di speranza.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

dodici − otto =