Istigazione all’odio razziale. È il reato ipotizzato dalla Procura di Roma, che ha aperto un fascicolo d’inchiesta sulla diffusione, sul sito internet «HolyWar», di una lista di 163 professori di 26 università italiane definiti «molto pericolosi» e accusati di essere collaboratori dei servizi segreti israeliani. Due professori sono dell’Università del Salento.

Tra i 163 “Sayanim” figurano anche il professore Furio Biagini, docente di Storia dell’Ebraismo presso la Facoltà di Lingue e letterature straniere, ed il professore Antonio Donno, docente ordinario di Storia delle Relazioni Internazionali.
Secondo chi ha stilato la lista (http://holywar.org/italy/sayanim.htm), i professori collaborano “con l’intelligence israeliana” e sono da considerare persone “molto pericolose”. Nella lista ci sono filosofi, storici, letterati, economisti, giuristi, tra cui noti intellettuali.
Gli accertamenti sono affidati al pm Luca Tescaroli, che procede per istigazione all’odio razziale sulla base di un’informativa della Digos. Nel frattempo, la polizia postale si è messa al lavoro.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno − uno =