“La città di Lecce, in linea con altre città italiane, dovrebbe realizzare un piano ad hoc per favorire la pratica sportiva, soprattutto tra i ragazzi e i giovani, guardando non solo agli sport di maggior richiamo come il calcio o la pallavolo, ma anche ai cosiddetti sport minori come il tennis, il pattinaggio su rotelle, la scherma, che pure richiamano centinaia di famiglie leccesi”

È quanto dichiara il consigliere della Regione Puglia e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero.
“Sappiamo bene – prosegue Buccoliero – quanto la pratica sportiva sia fondamentale tanto per il corpo quanto per lo spirito. Cattivi stili di vita, infatti, soprattutto se condotti fin dall’infanzia, portano ad avere un numero sempre maggiore di soggetti a rischio di gravi patologie che, al di là del costo per le cure, diventano un problema per le famiglie e per loro stessi. Fare sport, quindi, fa bene a tutti: a chi lo fa e alla nostra comunità nel suo complesso. Per questo è importante che una città come Lecce si attrezzi, attraverso adeguate infrastrutture, per favorire la pratica sportiva a tutti i livelli, mettendo a disposizione spazi idonei per cimentarsi anche in quelli sport cosiddetti minori, che nulla hanno da invidiare al calcio, dal momento che vengono praticati da centinaia di famiglie.
Un esempio, in questo ambito, è dato dal pattinaggio su rotelle e dal tennis, per la cui pratica molti ragazzi sono costretti a ripiegare su strutture di fortuna. Esistono, in questo ambito, diverse associazioni dilettantistiche, che senza fini di lucro, cercano di coinvolgere i giovani e le loro famiglie in attività sportive di crescita fisica e psicologica.
Sarebbe importante – conclude Buccoliero – che queste associazioni, di concerto con il Comune e con i privati, fossero sostenute in maniera adeguata per incoraggiare tutte quelle attività sportive che, dati alla mano, impediscono che nei giovani tra i 18 e i 20 anni insorgano patologie come il diabete e l’ipertensione frutto di cattivi e dannosi stili di vita”.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.