Sabato 17 marzo (ingresso 5 euro) il Triade di Copertino (Le), in collaborazione con TTevents e Coolclub, ospita Colapesce, uno dei cantautori più apprezzati dell’attuale scena italiana.

Colapesce (Lorenzo Urciullo) non ama stare con le mani in mano: dopo un disco in inglese a nome Albanopower, un progetto ambizioso come Albanopumpkins (tributo italiano a “Mellon Collie & The Infinite Sadness”, il capolavoro degli Smashing Pumpkins, che ha avuto una discreta rilevanza internazionale, ricevendo anche l’apprezzamento di Billy Corgan) e il duo Santiago che con Alessandro Raina degli Amor Fou ha percorso in lungo e in largo l’Italia durante tutto il 2011, è arrivato il momento di Colapesce. Anticipato da un EP pubblicato a maggio 2010 solo in digitale e poi ristampato a grandissima richiesta, “Un meraviglioso declino” sta facendo gridare al miracolo la critica e il pubblico. Ovunque si parla della rinascita di un nuovo cantautorato italiano figlio della tradizione ma che non si pone limiti e prova a guardare a quello che succede lontano dai nostri confini. Agli anni ’70 riveduti e corretti da Wilco, John Grant e Fleet Foxes, giusto per fare un po’ di nomi. Un lavoro ambizioso e collettivo, che proprio dal vivo trova la sua forma più compiuta grazie a una band di cinque elementi che irrobustisce il suono e offre una dimensione diversa rispetto a quella del disco, con scalette che variano di serata in serata, cover e altre sorprese assortite.

Prima del concerto di sabato 17 alle 20.30 l’associazionismo copertinese, dopo l’importante successo di “Miracoli al centro storico di Copertino” dello scorso 5 Gennaio, propone una serata free jazz nel cuore del centro storico, tra le mura antiche di Vico Serpe, con l’esibizione dei Tribraco.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

8 + 10 =