Nella giornata di ieri, i carabinieri di Ruffano hanno arrestato, in esecuzione “ordinanza applicativa misura cautelare in carcere”: Paiano Matteo,  30enne di Supersano.

L’uomo è stato riconosciuto colpevole di estorsione aggravata e continuata commessa tra il 2006 e il gennaio 2012, ai danni del proprio genitore. Il 30enneè stato trasferito presso la Casa Circondariale di Lecce.

Mentre i Carabinieri della Stazione di Specchia hanno arrestato, in ottemperanza ad un ordine di esecuzione per la carcerazione, Riccardo SURANO, 43enne di Miggiano, già condannato ad una pena di sei anni e un mese di reclusione oltre al pagamento di una multa di ventisettemila euro. I fatti che hanno portato alla condanna dell’uomo risalgono alla fine del 2005 quando, nel giro di poco più di un mese, alla fine di ottobre ed alla fine di novembre, Riccardo SURANO fu denunciato due volte per spaccio di sostanze stupefacenti del tipo eroina e cocaina. La prima volta procedettero i Carabinieri della Stazione di Nociglia e quindi furono i militari della Stazione Carabinieri di Specchia a sorprenderlo in flagranza di reato. In seguito a tali fatti a SURANO fu contestata la continuazione del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso degli anni, l’uomo è stato denunciato ed arrestato altre volte sempre con la stessa accusa e ieri, essendo passata in giudicato la sentenza di condanna, i Carabinieri di Specchia gli hanno notificato il provvedimento. Portato presso gli uffici della Stazione Carabinieri di Specchia, Riccardo SURANO è stato dichiarato in arresto e, al termine delle formalità di rito, è stato accompagnato presso la Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce dove dovrà rimanere fino al mese di aprile 2018.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti + tredici =