“A vent’anni dalla tua morte siamo ancora qui a ricordarti e ringraziarti del bene culturale ed umano profuso a larghe mani su di noi….”
Questa è la dedica, in occasione del concerto organizzato in ricordo di Padre Igino Ettorre, una delle figure più carismatiche  della cultura salentina.

Sabato, 31 marzo 2012  nella sede della Biblioteca Caracciolo a Lecce alle ore 18,45, il  Coro di Voci Bianche “Sull’ali del canto” del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce, nel ricordo dei 20 anni dalla morte, eseguirà il capolavoro del compositore settecentesco “Stabat Mater” di Giovanni Battista Pergolesi.
Padre Igino ha animato per decenni la scena culturale leccese dedicandosi all’insegnamento, alla ricerca e alla diffusione del patrimonio musicale.
La versione dello “Stabat Mater” proposta è particolarmente singolare: le arie e i duetti che caratterizzano la struggente narrazione musicale sono affidate alle voci del soprano Stefania Patavia, e del mezzosoprano Marta Nigro che, insieme al Coro di Voci Bianche “ Sull’ali del canto” del Conservatorio “Tito Schipa” di Lecce diretto dalla professoressa Tina Patavia, saranno accompagnate da una formazione cameristica.
Il quartetto d’archi è formato da musicisti ben noti nell’ambiente musicale leccese: Federico Puglielli e Ivo Mattioli al violino, Ennio Coluccia alla viola, Tiziana Di Giuseppe al violoncello,
al pianoforte la professoressa Francesca Mammana, collaboratrice artistica del Coro.
Il coro di voci bianche è composto da: Maria Calasso, Alessandro Cappilli, Sharon Esposito, Alessandro Fasiello, Sara Franco, Chiara Gambino, Caterina Grasso, Martina Lenucci, Ilaria Longo, Asia Lotti, Rebecca Marchello, Marian Mohsen, Caterina Previdero, Alice Pugliese, Alice Quarta, Vincenzo Tamborino, Egle Tavolaro, Francesca Zurlo.

* UPR Conservatorio “Tito Schipa” Lecce

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.