E’ iniziato come un controllo di routine ma si è ben presto trasformato in un pericoloso inseguimento tra le strade di Lecce tra la Polizia e due ladri in motocicletta.
E’ successo ieri notte intorno all’1.30, quando una pattuglia dell’Ufficio Volanti ha notato su viale della Repubblica una moto di grossa cilindrata con a bordo due persone che viaggiavano senza casco.

Gli agenti hanno perciò inseguito i due con l’intento di fermarli e di multarli ma alla vista delle forze dell’ordine, il conducente della moto ha spento i fari e ha cercato di darsi alla fuga aumentando la velocità.
Ne è quindi scaturito un inseguimento molto pericoloso a causa della forte velocità e del fatto che la moto avesse i fari spenti ma fortunatamente essendo notte, le strade leccesi non erano molto trafficate.
L’inseguimento è proseguito poi su viale Taranto, dove però gli agenti di Polizia hanno perso le tracce dei due. Senza perdersi d’animo hanno continuato le ricerche, imboccando la statale Lecce-Brindisi e sulla strada, all’altezza del distributore Esso, li hanno ritrovati.
La moto, riconosciuta come una Yamaha R6 di colore bianca e blu era ferma con il solo conducente a bordo; il passeggero invece, era sceso dal mezzo.
Alla vista delle forze dell’ordine, l’uomo alla guida della moto ha cercato di fuggire ma questa volta gli agenti della volante, hanno bloccato la strada con l’auto di servizio.
Mentre il passeggero veniva arrestato, il conducente avrebbe tentato ancora una volta la fuga. Dopo aver dato un  calcio alla portiera della volante, è salito nuovamente in sella alla moto ed è partito con l’intenzione di sfuggire alla polizia. Sfortunatamente però, la moto si è fermata dopo pochi metri probabilmente a causa di un guasto. Gli agenti lo hanno perciò bloccato ma questi ha opposto una strenua resistenza, tanto da ferire anche uno dei poliziotti.
Mentre poi, gli agenti erano impegnati a fermare il conducente, l’altro arrestato tentava a sua volta la fuga, riuscendo nel suo intento. A causa di un malfunzionamento delle portiere dell’auto di servizio, dentro la quale si trovava, ha approfittato del momento di agitazione creato dal complice e si è dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce tra le campagne a quell’ora nella più totale oscurità.
L’uomo arrestato è stato poi identificato come Ouacif Mhamed, 28enne di Casablanca (Marocco) ma residente a Lecce ed è al momento accusato di guida in stato di ebbrezza, ricettazione, resistenza, violenza e lesioni a Pubblico Ufficiale, oltre che di furto. La moto sulla quale lui e il suo complice viaggiavano infatti, risultava rubata ad un uomo che ancora non si era accorto del furto e che è stato poi rintracciato e avvisato.
Nel frattempo le indagini proseguono per cercare di rintracciare l’altro ladro che è riuscito a fuggire.