Foto Antonio CastelluzzoLadri in azione tra Galatina, Nardò e Lecce. Nel primo comune, probabilmente la stessa banda, ha puntato il suo obiettivo su due tabaccherie. In un caso il furto è andato a segno ed i ladri sono riusciti a fuggire con alcune stecche di sigarette.

Il colpo è riuscito ai danni della tabaccheria in via Roma, dove i malviventi, dopo avere girato gli obiettivi delle telecamere di videosorveglianza in modo da non essere ripresi, hanno praticato un foro nella saracinesca e, muniti di seghetto, si sono creati il varco per entrare. L’irruzione, avvenuta poco dopo le 5, ha fatto scattare l’allarme collegato all’istituto di vigilanza della Fidelpol, ma quando sono intervenute le guardie giurate, i ladri erano già scappati.
L’altro furto è stato tentato ai danni di un’altra tabaccheria di Galatina, quella in via Siciliani, nel centro del paese, vicino alla villa comunale. Identica la tecnica utilizzata dai ladri, forse gli stessi che hanno colpito l’altra attività. In questo caso, tuttavia, l’allarme non è scattato, ma i ladri sono stati costretti a fuggire a mani vuote.
A Nardò, nel mirino dei ladri è finita la Chiesa dei Cappuccini. Qualcuno, dopo avere divelto una grata laterale, è riuscito ad accedere nei locali, rubando le offerte dei fedeli, un crocifisso ed un anello in oro. Sulla strada provinciale che da Nardò conduce a Galatone ,invece, quattro malviventi sono stati sorpresi, sempre dalle guardie giurate della Fidelpol, all’interno del deposito “Colazzo”. Alla vista dei vigilanti, tre di loro si sono dati alla fuga scavalcando un muretto in pietra, mentre il quarto si è dileguato fuggendo attraverso un foro praticato nella rete di recinzione. Il deposito è sprovvisto di telecamere di videosorveglianza.

Ladri in azione anche nel capoluogo salentino: qualcuno, nottetempo, è riuscito ad introdursi nel bar “Caffè dell’Anfiteatro”, in piazza sant’Oronzo, da dove è riuscito a scappare con qualche centinaia di euro, contenuti nel registratore di cassa.