“Earth Hour 2012” è ormai alle porte: il 31 Marzo, dalle 20.30 alle 21.30, cittadini, comuni, scuole ed istituzioni daranno vita all’evento mondiale che nel 2011 ha coinvolto quasi 2 miliardi di persone, con 135 Paesi e circa 5200 città partecipanti. In Italia quest’anno l’evento è patrocinato da: Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare,

Ministero dello Sviluppo Economico, Conferenza delle Regioni e Province Autonome, Comune di Roma Capitale, Regione Lombardia, Regione Toscana, Province di Caserta, Milano, Firenze, Siena, Perugia, Bologna, Napoli, ANCI, Associazione Comuni Virtuosi, Coordinamento Agende 21 Locali, FAI, FIAB, Federciclismo. Hanno aderito inoltre 230 Amministrazioni Comunali, tra grandi città capoluogo e piccoli centri sul territorio. Tra i monumenti che verranno spenti ricordiamo la Cupola della Basilica di San Pietro, Castel Sant’Angelo e Ponte degli Angeli a Roma, il Pirellone e il Teatro alla Scala a Milano, Palazzo Ducale e Piazza San Marco a Venezia, Palazzo Vecchio, Ponte Vecchio, Duomo e Battistero a Firenze, il Duomo, Piazza del Plebiscito e il Maschio Angioino di Napoli. Si svolgerà a Taranto l’evento principale del WWF in Puglia. Il comune spegnerà la Fontana Rosa dei Venti e la piazza Maria Immacolata. Il WWF di Taranto organizzerà l’accensione di 100 lumini e musica in piazza plug and play. A Bari il comune ha aderito con lo spegnimento di Palazzo di Città e sarà presente un banchetto del WWF. A Lecce è previsto lo spegnimento di Piazza S. Oronzo; nella medesima piazza il WWF Salento allestirà un banchetto informativo, dei totem illustrativi ed è in organizzazione una animazione della serata. Nella provincia di Barletta – Andria – Trani aderiscono: Bisceglie, che con una lettera dell’Amministrazione Comunale ha assicurato lo spegnimento di Piazza Diaz e del Teatro Garibaldi; Canosa di Puglia, città nella quale saranno spente le luci esterne della Cattedrale di San Sabino e dell’antistante Piazza Vittorio Veneto; Andria che spegnerà Piazza Catuma, Castel del Monte, Monumento ai Caduti e Piazza Municipio. Il comune di Maglie (Le) ha deliberato l’adesione ad Earth Hour 2012 attraverso lo spegnimento di Piazza Aldo Moro. Il comune ha inoltre aderito al concorso internazionale City Challenge con il progetto di bike sharing finanziato dal Ministero dell’Ambiente. Il WWF Terra d’Otranto sarà presente in piazza Aldo Moro con lo stand Earth Hour assieme a Fiab “Il Ciclone” Onlus che organizzerà “Accoglienza del buio alla luce di bicicletta”. A Bitetto (Ba) il comune spegnerà le luci del Convento del Beato Giacomo e si è impegnato a diffondere il messaggio virtuoso dell’iniziativa a tutta la cittadinanza e ai dirigenti scolastici presenti sul territorio. Il WWF Bari sarà presente con un banchetto informativo. A Santeramo in Colle (Ba) sarà sospesa l’illuminazione di Palazzo Marchesale e verrà allestito un banchetto a cura degli attivisti del WWF di Gioia – Acquaviva – Santeramo. A Monopoli (Ba) sarà spenta Piazza Vittorio Emanuele e Piazza Milite Ignoto. L’evento sarà salutato dal segnale acustico dei fischietti. In collaborazione con Associazione Amici di San Salvatore di Monopoli il gruppo WWF locale disporrà in Piazza Vittorio Emanuele Bici “ecologiche” e allestirà una postazione informativa. Altri “blackout”: Palazzo Baronale e Parco di Collepasso (Le) e Statua di San Nicola e Chiesa matrice in frazione Borgagne di Melendugno (Le). Nell’Oasi WWF “Le Cesine”, inoltre, è in programma una serata veramente interessante… vino, taralli e suoni de Le Cesine con Ninfa Giannuzzi, visita guidata notturna “un tuffo nello stagno” alla scoperta delle “case degli anfibi” e “ntisi le ranocchiule cantare”, osservazione e liberazione di rane e rospi e tante altre sorprese (info e prenotazioni 3298315714 – lecesine@wwf.itwww.riservalecesine.it). Aderiscono anche Foggia, Santeramo in Colle e Cassano delle Murge (Ba), San Severo (Fg), Uggiano La Chiesa (Le).