“La decisione del segretario nazionale del Pdl Alfano – afferma Alfredo Mantovano – di non considerare appropriato un vertice dei segretari di partito con il premier Mario Monti su temi che nessuno potrebbe definire strettamente connaturati alla mission del Governo, è un segnale che (non lo ammetteranno mai in pubblico) è da immaginare condiviso anche nel Pd.

E’ il segnale – conclude – che la politica e i partiti non sono defunti, e che da loro non si può prescindere”.