“Il primato della Puglia nelle esportazioni (+17,9%) rilevato dall’Istat nel report pubblicato ieri arriva dopo un anno di grande crescita nelle esportazioni di trimestre in trimestre, con riposizionamenti anche per settori, come il Tac

(Tessile, abbigliamento e calzaturiero), che hanno particolarmente risentito della crisi degli anni scorsi”. Con queste parole la vicepresidente e assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone ha voluto commentare insieme con il presidente (ne riferiamo a parte) i dati Istat sulle esportazioni nelle regioni italiane.
“Dopo 12 mesi di successi – ha detto – il dato sicuramente più interessante è il forte aumento nelle vendite nei mercati extra UE (+19,4%), sebbene siano in crescita anche le esportazioni nei paesi dell’UE (+16,8%).
“Non posso dunque che esprimere grande soddisfazione per un risultato che premia la dinamicità delle nostre imprese che hanno imparato, guidati anche dalle politiche regionali, come la competitività si guadagni con l’innovazione”.
Sul fronte dei settori, all’exploit delle vendite dei prodotti dell’estrazione da cave e miniere (+158,2%), si aggiunge quella dei mezzi di trasporto in generale (+58,3%) e degli autoveicoli in particolare (+70,8%), forti anche gli articoli in gomma con un +46,3%.
Salgono per più del 30% i prodotti in legno e gli articoli farmaceutici; bene il comparto dei prodotti alimentari, bevande e tabacco con un +17,2% e i metalli con un +15,1%, mentre i prodotti tessili e dell’abbigliamento, pelli e accessori segnano un +6,2%.