Domenica in tutte le piazze del Salento si terrà la manifestazione dal titolo “Alimentazione sicura per sconfiggere il cancro”, promossa dalla LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori) della provincia di Lecce, in occasione della settimana nazionale per la prevenzione oncologica.

“Nel cibo si riflette tutto ciò che di contaminato c’è nell’aria e nell’acqua”, spiega il presidente della LILT provinciale Giuseppe Serravezza, che ha presentato la manifestazione questa mattina assieme all’assessore all’Agricoltura della Provincia di Lecce Francesco Pacella e al responsabile provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori di Lecce Vito Murrone. “E proprio per questo negli ultimi anni i successi che in Puglia abbiamo avuto con la nostra rete oncologica di gran pregio, sono stati schiacciati dal numero sempre più elevato di casi di malattia. E molta attenzione dobbiamo darla alle cause che provocano i tumori, ovvero quello che mangiamo. Cosa c’è nel nostro cibo?”
E con questa domanda il presidente Serravezza pone una riflessione di notevole importanza, che verrà ampliamente dibattuta domenica nelle piazze di diversi comuni salentini: non solo Lecce ma anche Casarano, Gallipoli, Galatina, Maglie, Nardò, Cavallino, Monteroni, Scorrano, Aradeo, Specchia, Leverano, Carmiano, Cutrofiano, Martano, S. Donato di Lecce, Veglie, Ruffano, Gagliano del Capo, Tricase, Surano, Castro, Miggiano e Calimera.
Gli operatori della LILT saranno presenti in piazza dove forniranno gadget e materiale divulgativo per portare l’attenzione sul problema. Inoltre la Confederazione Italiana Agricoltori CIA di Lecce, affiancherà l’associazione nelle piazze con dei gazebo nei quali le aziende locali del settore dell’agricoltura biologica, offriranno gratuitamente prodotti sicuri provenienti dalle nostre terre.
La riflessione sull’alimentazione sicura infatti non riguarda solo la scelta di alimenti sani come frutta e verdura ma anche di prodotti che non siano contaminati da pesticidi o coltivati con concimi chimici o peggio ancora frutto di coltivazioni transgeniche.