Sarà la giuria popolare a decidere quale sarà il logo con cui il Comune di Lecce presenterà la propria candidatura come Capitale della Cultura per l’anno 2019. Questa mattina il Sindaco Paolo Perrone ha presentato i tre loghi che tra i 25 hanno passato il giudizio della commissione che li ha studiati e scelti.

Per decidere quale tra i tre sia il prescelto con cui verranno siglate d’ora in poi tutte le attività culturali della città fino al 2019, è stata creata una pagina sul social network Facebook sulla quale si potrà votare fino al 31 marzo. La pagina si chiama “Lecce 2019” ed è raggiungibile anche attraverso il sito del Comune.
“Tocca ai cittadini decidere”, spiega il Primo Cittadino. “E mi auguro che si possa votare in tanti, perché questo logo rappresenterà tutta l’attività culturale dei prossimi anni.”
E allora potere ai cittadini che dovranno decidere quale sia l’immagine più vicina alla città tra le tre proposte. La prima è più colorata e dinamica e concentra l’attenzione sulla data del 2019; la seconda invece è più elegante nei toni dell’oro e richiama il barocco leccese con una facciata stilizzata; l’ultima sembra quasi più sportiva: bianco, grigio e blu con alcuni effetti grafici sulle lettere che compongono il nome della città e l’anno di candidatura.
“Questi sono i loghi che la commissione ha ritenuto i migliori.” Continua il Sindaco. “Adesso sarà la giuria popolare a dare la decisione definitiva; ci tengo a precisare che questa è un’iniziativa straordinaria nonché un obiettivo da raggiungere attraverso una condivisione piena di tutte le istituzioni. Mi riferisco anche alla Regione Puglia: Lecce è la capitale morale della cultura e pertanto chiediamo un supporto significativo.”
Infine il Primo Cittadino ha concluso con un appello nei confronti dei suoi avversari politici e verso gli altri candidati alla carica di Sindaco per “non strumentalizzare la presentazione di Lecce a Capitale della Cultura, perché nel 2019 l’amministrazione sarà comunque un’altra e data l’importanza dell’iniziativa è più importante cooperare insieme per il raggiungimento di questo obiettivo.”