E’ stato travolto ed ucciso, mentre attraversava via vecchia Lizzanello, a Lecce, da un’automobilista pirata, poi fuggito senza prestargli soccorso. La vittima e’ un 41enne di Merine, Massimo Epifani, morto in ospedale. Rintracciato dopo qualche ora l’automobilista: si tratta C.A., 84enne, denunciato per omicidio colposo ed omissione di soccorso

Tutto e’ avvenuto intorno alle 19,30. L’uomo stava attraversando a piedi la strada, quando un’auto, una Hyundai Atos, lo ha investito in pieno lasciandolo immobile per terra. Probabilmente, temendo di averla combinata grossa, l’automobilista ha preferito premere il piede sull’acceleratore, dileguandosi.

L’allarme e’ stato dato da un altro automobilista che, notando il corpo del 41enne per terra, ha chiamato subito il 118. L’ambulanza ha condotto il ferito a sirene spiegate in ospedale, dove e’ giunta con codice rosso.

Purtroppo, Epifani si e’ arreso mentre i medici cercavano di strapparlo alla morte.

Sul posto, sono intervenuti gli agenti della polizia municipale di Lecce che, sotto il corpo del 41enne, hanno ritrovato la targa dell’auto pirata, rintracciata qualche ora dopo. Alla guida c’era un 84enne di Merine, poi denunciato, che agli agenti avrebbe detto: “non è vero, non l’ho travolto io”. Tuttavia, ad incastrarlo, ci sarebbe la tarda della sua auto che, dopo l’impatto, si è staccata finendo sotto il corpo del 41enne.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

sedici − 14 =