Il primo di giugno la gara d’appalto per la 275 dovrebbe concludersi. Il contratto sarà firmato il 31 luglio prossimo. E anche sui lavori c’è una data di inizio e una data di fine. Certe. Il Cipe, sulla 275, cadenza i tempi, anzi, lo ha già fatto, il 20 gennaio, nel documento in cui si ritiene l’opera “indifferibile”.

È il 7 luglio 2013 la data di avvio dei lavori per il raddoppio della statale, 18km di adeguamento della viabilità esistente più 22 in variante al tracciato, da Montesano a Leuca. Meno di tre anni di cantiere, che dovrebbe essere consegnato il 2 aprile 2016. Ma le previsioni rosee del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che ha già “sollecitato l’Anas a concludere in tempi certi l’aggiudicazione della gara”, di questo passo rimarranno lettera morta. Sarà impossibile chiudere la gara entro la settimana, visto che di traverso si è messo il ricorso che ha dato la stura alla battaglia giudiziaria tra le aziende che si contendono l’appalto da 287,74milioni di euro. È stata la Coedisal, la stessa che si è già aggiudicato il raddoppio della Maglie- Otranto e quello della Regionale 8, ad adire il Tar di Lecce, additando i ribassi d’asta, ritenuti anomali, delle altre tre. Il suo ammonta al 35%, quello della Intini-Igeco al 44,88%, quello della Fincosit-Socostramo al 41,32%, quello della Salini al 40,99%. Sconti esagerati, secondo l’avvocato di parte, Pietro Quinto, anche perchè difficilmente con quelle cifre si coprirebbero anche i costi del progetto esecutivo, che spetta alla ditta vincitrice stilare. E che, sempre secondo il Cipe, dovrebbe essere avviato il prossimo 1 agosto, per concludersi il 28 gennaio.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

uno × cinque =